Scatta la mobilitazione per l'ospedale di Pieve «Basta con le briciole»

BORGO MANTOVANO. Il Comitato in difesa dell'ospedale di Pieve è al lavoro: l'ambizioso obiettivo è l'acquisto di una risonanza magnetica. Ora qualcosa si muove, il consigliere regionale Alessandra Cappellari ha comunicato di aver presentato un ordine del giorno, ordine che è stato recepito dal nuovo direttore generale dell'azienda Poma, il quale avrebbe avviato le procedure. Si tratterà ora di seguire l'iter.La novità è emersa durante la serata che si è tenuta a San Giacomo delle Segnate pochi giorni fa davanti a circa 100 persone. Dagli interventi è emersa profonda preoccupazione per il futuro dell'ospedale, non solo in quanto oggetto di un progressivo impoverimento generale negli ultimi dieci anni, ma anche perché le richieste di attrezzature, personale e servizi cadono di regola nel vuoto. Per il Comitato sono intervenuti tra gli altri Daniela Besutti, presidente, già sindaco di Pieve, e Adriana Chiodarelli, già sindaco di San Giacomo. «Siamo pazienti di serie B- dicono - e stiamo per perdere la pazienza. Da dieci anni registriamo riduzione del personale, dei posti letto, dei finanziamenti, delle attrezzature, e abbiamo pronto soccorso al minimo. Tutto questo a fronte di professionalità importanti che si trovano costrette a lavorare in condizioni che non permettono di fornire le migliori prestazioni. Dei finanziamenti che partono da Roma o da Milano arrivano solo le briciole, e non sempre».Eppure l'ospedale è in attivo: «Da anni chiediamo la risonanza magnetica e le prestazioni sono tante che in un solo anno il costo sarebbe coperto. La soluzione è quella di riconoscere il presidio di Pieve come interregionale. Ne va della qualità della vita dei 100.00 cittadini che fanno riferimento all'ospedale di Pieve», dicono dal Comitato. Alberto Borsari, sindaco di Borgo Mantovano, si è rivolto ai cittadini: «Svegliamoci, le battaglie non si fanno su Facebook. Gli incontri come questo dovrebbero essere gremiti di cittadini preoccupati per la propria salute e pronti a dare battaglia». --Giorgio Pinotti BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI