L’archivio intitolato a Bellini

CASTEL GOFFREDO A Castel Goffredo in sala consiliare domani alle 10.30 avverrà l'intitolazione dell'archivio comunale a Lorenzo Bellini, archivista di Castel Goffredo, con nota biografica e schede sui lavori eseguiti nel paese natale, raccolte nell'omonimo volumetto a lui dedicato a cura di Giancarlo Cobelli; e la presentazione de "Il Tesoro del torrione della Disciplina", una storia d'archivio riscritta in forma di giornale storico dai ragazzi delle classi quinte della scuola primaria di Castel Goffredo. All'incontro, coordinato dal giornalista e storico Mariano Vignoli, parteciperà anche la direttrice dell'Archivio di Stato di Mantova, Luisa Onesta Tamassia. L'ingresso è gratuito e aperto a tutta la cittadinanza. Lorenzo Bellini, nato a Castel Goffredo nel 1841, è un personaggio del tutto sconosciuto che ha lavorato nella pubblica amministrazione (è stato segretario comunale a Castel d'Ario e poi dirigente degli uffici demografici del Comune di Mantova) e  ha lasciato traccia del suo lavoro in numerose pubblicazioni di manuali di archivistica comunale e di giurisprudenza in materia di uffici anagrafici e stato civile. Intitolargli l'archivio storico comunale significa voler riconoscere come la sua attività di archivista abbia contribuito alla trasmissione del patrimonio documentario castellano. Per l'occasione è stata redatta una nota biografica di Lorenzo Bellini e un resoconto dei suoi lavori archivistici compiuti a Castel Goffredo, raccolti nel volumetto "Lorenzo Bellini, archivista di Castel Goffredo", curato da Giancarlo Cobelli, archivista e bibliotecario.  "Il tesoro del torrione della disciplina" è un percorso didattico per la valorizzazione del patrimonio documentario castellano. Dopo la lettura di alcuni documenti dell'archivio che riportano una vicenda accaduta nel 1861 ad alcuni ragazzi goffredesi, dopo oltre 150 anni altri ragazzi raccontano in forma narrativa quella storia. (g.d.)