Partenza da favola per l'Ecology System matricola terribile

MANTOVA Una promozione nell'anno del cinquantesimo della società e un torneo con sette team di serie A e Gold al PalaFarina. Cosa chiedere di più? Semplice, partire a razzo nella nuova categoria, con tre successi nella prime tre giornate. Si vive un sogno in casa Ecology System Viadana. Di questo 2014 magico per la palla a spicchi si sentirà parlare a lungo nella cittadina rivierasca. Pizzighettone, Xxl Bergamo e Vimercate sono i primi scalpi eccellenti del gruppo di coach Tellini. Ed è proprio gruppo la parola chiave per spiegare le fortune della formazione giallonera. «In estate abbiamo inserito Catellani e Steccanella, i soli due giocatori che ci servivano - commenta patron Massimo Pizzetti -. I due nuovi arrivati conoscevano già i ragazzi della passata stagione e si sono integrati subito. Ero consapevole delle potenzialità della squadra, però nemmeno io mi aspettavo un avvio simile, con tre successi arrivati con squadre di prima fascia». Una partenza degna di un centometrista potrebbe far perdere la testa a qualcuno ma a Viadana non c'è spazio per i facili entusiasmi. «Nessuno si illuda - prosegue Pizzetti -. Salvarci con tranquillità è l'unico obiettivo. Noi dobbiamo pensare solo a migliorare ancora. Penso alla gara di Bergamo, dove abbiamo giocato con personalità e vinto con lo spirito di sacrificio, ma dove abbiamo commesso non pochi errori». Il tutto senza dimenticare il futuro giallonero. «Vogliamo dar spazio ai nostri giovani - continua il presidente -. Prati e Rossi hanno già debuttato, altri li seguiranno». Sabato trasferta a Gorle: dubbio Simeoni, sempre alle prese con la pubalgia. La prova del tre ha detto bene alla Ladyleaf Tomasi Auto Asola. Il confronto di sabato nella tana del Mazzano era atteso con grande curiosità da tifosi e dirigenza, ansiosi di avere un elemento in più per decifrare un avvio che aveva visto gli uomini di coach Marco Bonetti esordire con una vittoria al cospetto di Agrate ma tornare con molte meno certezze e parecchi punti sul groppone dalla trasferta di Busnago. In terra bresciana si è rivista per due quarti abbondanti la solita Ladyleaf, partita con la giusta concentrazione e le giuste percentuali di realizzazione. Un vantaggio che nella seconda frazione, grazie anche alla buona vena dall'arco di Pasini (20 punti a referto), è bastato per portarsi a casa due punti oltremodo preziosi. Sì perché si prospetta un ottobre di ferro per Lanfredi e compagni: sabato arrivano allo Schiantarelli i bergamaschi di Romano, poi ci sarà l'infuocato derby in trasferta con Sansebasket Cremona e infine il confronto interno con la Virtus Lumezzane, due roster non a caso a punteggio pieno. Ci sarà da stringere i denti. (m.s. e d.c.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA