Ceresara fuori dai playoff Pozzolese ko, Malavicina sì

MANTOVA Il campionato di B è ormai terminato ed è ora tempo quindi di playoff e playout, che determineranno chi verrà promosso in A e chi invece conoscerà la delusione della retrocessione in C. Negli spareggi per il salto nella massima serie termina però subito l'avventura dell'unica mantovana impegnata, vale a dire il Ceresara, quarto in classifica alla fine della regular season. Gli uomini di Flavio Spazzini erano stati abbinati al Mezzolombardo, la capolista dell'altro girone. E il match ha rispecchiato le posizioni finali nei rispettivi raggruppamenti, con i padroni di casa che si sono alla fine imposti con il punteggio di 13-7: «La nostra avventura negli spareggi promozione -spiega il presidente mantovano Giancarlo Zoetti- è già finita, dato che si trattava di match a eliminazione diretta. Il Mezzolombardo si è dimostrato troppo forte e ha giocato meglio di noi. Da parte nostra di certo c'era la convinzione di volerci provare. Ci credevamo, ma eravamo al tempo stesso consapevoli che sarebbe stata dura. Il bilancio dell'annata è in ogni caso positivo, dato che ci eravamo prefissati di arrivare nelle prime 4-5 posizioni, e così è stato». Veniamo ora ai playout, nei quali erano impegnate sia la Pozzolese che il Malavicina. Qui la formula è diversa. Le squadre infatti (le ultime tre dei due gironi) sono inserite in un girone all'italiana composto da sei compagini, che si affronteranno tra loro in incontri di sola andata (le prossime giornate saranno il 27 luglio e il 7, 14 e 21 settembre). Al termine, le ultime due classificate retrocederanno in serie C. Comincia bene in questo senso il Malavicina, che batte per 13-6 il Segno incamerando i primi tre punti in graduatoria: «L'inizio di partita ha visto le due squadre equivalersi sul piano del gioco -analizza il direttore tecnico Giuliano Morari- , ma abbiamo commesso comunque troppi errori. Quando questi sono diminuiti abbiamo iniziato a prendere il largo nel punteggio, vincendo abbastanza agevolmente. Anzi, si poteva anche chiudere 13-4, ma due falli commessi ci hanno impedito di farlo». Debutto amaro invece per la Pozzolese, sconfitta 13-10 dal Noarna: «C'è ancora tempo per rimediare -spiega il dt Massimo Bicelli- e resto dunque ottimista per il futuro. Ce la possiamo fare»È.(n.a.)