Il San Matteo continua a sognare, stop Virgilio

BORGO VIRGILIO Lo scontro diretto per un posto nei playoff va al San Matteo. Gli ospiti sfruttano al meglio due calci d'angolo, da dove scaturiscono entrambi i gol, mentre per la squadra di casa non basta il rigore a fine primo tempo. Il Virgilio, infatti, nei minuti di recupero reclama a gran voce un secondo calcio di rigore, per un fallo di mano che però il signor Bartal non reputa tale. Con la vittoria il San Matteo raggiunge quota 45 punti in classifica e supera proprio il Virgilio che rimane a 44 e si fa raggiungere anche dai Santi. La cronaca. Le due squadre si conoscono e si rispettano vicendevolmente, quindi i primi minuti di gara sono principalmente combattuti a centrocampo. Il Virgilio ci prova con uno dei pezzi forti della casa: la punizione di Benedini. Questa volta lo specialista non ha fortuna e la sua conclusione si perde sul fondo. Poco dopo il San Matteo trova il vantaggio: corner battuto a spiovere in area, sul pallone arriva prima di tutti Zanca che segna l'1 a 0. Prima dell'intervallo Melillo viene atterrato in area: calcio di rigore. Sul dischetto va Benedini che non sbaglia e firma il gol del pareggio. Nella seconda parte di gara le due compagini sembrano non volersi far male, ed è nuvamente un calcio da fermo a sbloccare il risultato. Ancora un calcio d'angolo per il San Matteo e questa volta il guizzo vincente è di Peruffo che segna il definitivo 2-1. Nel concitato finale, il Virgilio le prova tutte, mentre gli ospiti si difendono con ordine, e al 90' l'episodio tanto contestato: il tiro di Cremona viene intercettato sulla linea da un avversario. Ciccone e i suoi vedono un fallo di mano, mentre l'arbitro è di tutt'altro avviso e non fischia.