L'aumento dei suini grassi fa salire anche il prezzo dei magroni, meno ricercati i lattonzoli

di Claudio Bollani Fatta eccezione per i due formaggi grana ed i suini, trend per la maggior parte stabili o con lievi scostamenti, quelli usciti dal mercato di ieri in Borsa Merci a Mantova. Sul fronte granario, infatti, confermati i prezzi di tutti i cereali in listino: frumenti teneri e grani duri, granoturco nazionale ed estero, orzo e semi di soia (-5,00 solo l'estera); nello stesso comparto, tra i derivati, rimane penalizzata la farina d'estrazione di soia, -6,00 euro/ton., come pure i sottoprodotti della macinazione del frumento: crusca e tritello -3,00, farinaccio -2,00 euro/ton.. Andamento stazionario e prezzi invariati per i risoni ed i corrispondenti risi, fatta eccezione per il Carnaroli ancora in lieve ribasso. Buona l'intonazione per le vacche da macello (+6 cent./kg. a p.m.) in un mercato, quello del bestiame bovino, che registra una prevalente stabilità, sia per gli animali da macello che per quelli da vita e da latte, baliotti compresi. Una certa difficoltà commerciale, in particolare legata all'abbassamento dei consumi del prodotto c.d. stagionato, fa proseguire la fase di stanca nelle compravendite dei formaggi grana, Padano e Parmigiano Reggiano, con un conseguente aggiornamento al ribasso di ambedue i listini, -10 cent./kg. su tutte le voci ("indicativo" per il marchiato); sullo stesso mercato, il lattiero-caseario, segnano il passo il burro e il siero di latte. Resta tendenzialmente migliorativo l'andamento del comparto suinicolo. Per quanto riguarda i suini grassi, infatti, la CUN e la Camera di Commercio, al solo fine statistico, hanno portato il prezzo massimo a 1,470 euro/kg., che per l'Ente camerale significa +3 cent./kg. rispetto alla scorsa settimana; +1 cent. anche le scrofe da macello. Ancora differente l'andamento per i capi d'allevamento: calmo con listino in lieve flessione per i lattonzoli fino a 25 kg.; stabili i capi di 30 e 40 kg.; maggior interesse e quotazioni in leggero aumento per i magroni da 50 e 100 kg.. Riguardo al mercato delle corrispondenti carni suini fresche, trend calmo per i lombi e pressoché stazionario per i restanti tagli. Resta non quotato il fieno mentre la paglia registra una perdita di 5,00 euro/ton.. Si informa che la prossima settimana il mercatosarà anticipato a mercoledì 30 aprile.