Conto Italiano e Lorini, sprint salvezza

MANTOVA Mantovane di B2 maschile, si salvi chi può. A tre turni dall'epilogo della stagione l'invito è rivolto a Conto Italiano e Noleggio Lorini, non al Viadana, che dal tetto dei 37 punti raggiunti è invece già al sicuro ma può incidere nella lotta alla sopravvivenza dei due club del capoluogo. La situazione: sei squadre lottano per sfuggire ai tre posti liberi per la retrocessione, oltre al Metallsider Trento già matematicamente declassato. Dai 28 punti del Fresko Est San Bonifacio ai 22 del Noleggio Lorini tutto può ancora accadere, in funzione di scontri diretti e delle motivazioni presenti tra complessi che lottano con l'acqua alla gola e chi invece ha poco o nulla da chiedere al torneo. Senza trascurare che a tre giornate dalla fine, altrettante formazioni lottano per il passaggio diretto in B1. Ma quali sono le reali chance di ciascuna di centrare l'obiettivo minimo stagionale? Detto che il Conto Italiano è due lunghezze sopra la zona calda e che con 8 punti sarebbe tranquillo, è legittimo interrogarsi su quanti punti siano alla portata di Tognazzoni e soci tra la trasferta di Cisano, la sfida a Cerese alla capolista Montecchio e il derby conclusivo di Viadana. Cisano e Montecchio Vicentino sono qualitativamente fuori portata ma il fatto che i bergamaschi - ora quarti - non abbiano particolari ambizioni e che la capolista possa chiudere i giochi promozione già nel big match casalingo di domenica 27 con Ongina, possono forse aprire per il clan virgiliano possibilità che in condizioni normali sarebbero precluse. Sul derby di Viadana sarà bene speculare, poi, solo e qualora risultasse decisivo per la salvezza del Conto. La situazione di classifica del Noleggio Lorini (penultimo a quota 22) è drammatica ma il calendario presenta un sentiero per la salvezza meno intricato di quello dei cugini. Innanzitutto il confronto interno col Fresko Est, dopo la sosta pasquale e poi in successione lo spareggio di Isola della Scala e la chiusura a Montichiari con l'Alto Adige: tre scontri diretti in altrettanti impegni ma fare il pieno di punti potrebbe ipoteticamente anche non bastare. Uno sguardo alle altre pretendenti: il Fresko Est ha la salvezza in pugno se esce imbattuto da Montichiari (dove gioca il Lorini) ma serviranno altri 2-3 punti da conquistare tra il derby di Villafranca e la chiusura in casa con Ongina. Isola della Scala ha un doppio confronto interno con Costa Volpino e Lorini prima di congedarsi nello spareggio di Azzano, mentre l'Alto Adige ha virtualmente tre punti in più (il derby in casa della cenerentola Trento), per poi chiedere strada ad Azzano e Lorini. Infine i bresciani del Tempini Azzano: ricevono l'appagato Zanè prima degli scontri diretti con Alto Adige e Isola. Un bel rebus, non c'è dubbio. Gian Paolo Grossi ©RIPRODUZIONE RISERVATA