La Dak suona la carica Svolta Casalromano: adesso si fa sul serio

Il sorteggio per definire chi tra Calcense e Pievese sfiderà negli ottavi di Coppa Lombardia l'Acquanegra ha sorriso ai bergamaschi. I biancazzurri di mister Novelli saranno quindi di scena a Calcio (provincia di Bergamo) il prossimo 14 novembre alle 20.30. L'Acquanegra ha superato i 16esimi grazie ai successi contro Castenedolese e Sesto 2010. (ma.be.) MANTOVA Le insidie dei testa-coda. Era nell'aria, lo avevamo intuito. La Leoncelli impatta con la Sported Maris, così come il Pomponesco con il Castellucchio. Le due battistrada frenano, la Dak ne approfitta, raggiunge il Pomponesco in seconda posizione e riduce le distanze dalla testa a sole tre lunghezze. Nelle posizioni di vertice inizia a farsi vedere anche il Casalromano grazie alla sicura vittoria sul Psg. La settima giornata si chiude con tre vittorie tutte mantovane, quattro pareggi e una gara, quella di Gonzaga, sospesa a metà del secondo tempo con i padroni di casa in vantaggio per 3-1 sul Porto. Le poche partite concluse con una vittoria influenzano la classifica che evidenzia il passo in avanti della Dak (2-0 a Marcaria contro una Don Bosco incolore), del Casalromano (2-0 in casa col Psg) e del San Lazzaro (2-0 a Pescarolo). Proprio il risultato dei biancazzurri di mister Bizzoccoli è quello che più sorprende perché ottenuto in casa da quella che era la terza forza del girone. L'ottimo momento dei biancazzurri parte dalla quarta giornata, dal 3-3 col Curtatone, e da allora gli uomini di patron Angelo Valenza hanno ottenuto due pareggi e altrettante vittorie poggiando su una difesa che non prende gol da 290 minuti. C'è da sottolineare lo stato di forma e di convinzione che sta interessando il Casalromano. Una squadra più pratica con l'avvento di Prandi, più compatta e soprattutto capace di soffrire. Quarto pareggio di fila per il Curtatone, che in casa e sempre in rimonta riesce ad acciuffare il 3-3 sul Castelvetro. Qualche pecca di troppo in fase difensiva per i rossoblù di Tenedini che però hanno un grande cuore. In fatto di pareggi fa meglio il Castel d'Ario, ben 5. L'ultimo domenica a Castelverde, arrivato nei minuti finali. Bianconeri avanti piano, ma con la casella delle sconfitte ancora senza macchia. Un fattore, quello dell'imbattibilità, che alla lunga può diventare una carta importante. Piove sul bagnato a Viadana, battuto in casa dal San Prospero, e ora sempre più in fondo alla classifica del girone Crer. Serve una svolta per i canarini che ancora faticano in fase di finalizzazione e soprattutto si lasciano beffare con troppa facilità da avversari alla portata. Nicola Vareschi ©RIPRODUZIONE RISERVATA