Il Gonzaga cerca punti nella tana del Vighenzi

GONZAGA Il Gonzaga si sposta sulle sponde del lago di Garda, più precisamente a Padenghe (ore 21) per il recupero della diciannovesima giornata contro la locale Vighenzi. Sfida che si preannuncia equilibrata ed aperta ad ogni risultato: è la classifica a dirlo, con i biancazzurri che contano un solo punto in più rispetto ai bresciani. In una posizione mediana che, per entrambe le compagini, porta a guardare la zona playoff ma anche a tenersi controllate le spalle. «Sia noi che loro siamo un po' in una terra di nessuno – spiega il ds del Gonzaga Barbieri –, per noi sarà importante fare risultato: vincere sarebbe il massimo, perché potrebbe farci sperare in un finale di stagione di un certo tipo. L'importante comunque sarà muovere la graduatoria: anche un pari ci permetterebbe di tenere staccato chi segue. Personalmente sono fiducioso e non solo per il match odierno ma anche per il finale di questa stagione. Che, al di là di tutto, stiamo conducendo in maniera decorosa. Proveremo a giocare le ultime sfide secondo le nostre possibilità: se agganciassimo i playoff sarebbe una bella soddisfazione». Ultimamente i risultati non hanno dato troppo ragione al Gonzaga, ma alcuni recuperi importanti potrebbero invertire il trend. «Non è per accampare alibi, ma nelle ultime uscite, che sicuramente non ci hanno sorriso sul piano dei risultati, avevamo diverse defezioni. Già domenica sono rientrati i due Eddaoudi, elementi molto importanti per noi». Notizie sull'avversario? «Una squadra organizzata, dal rendimento un po' altalenante ma che si presenterà sicuramente galvanizzata del bel risultato ottenuto a Curtatone. All'andata me lo ricordo come un undici ostico, ci presenteremo quindi sfoggiando tutte le attenzioni del caso». Davide Casarotto ©RIPRODUZIONE RISERVATA