Il nuovo contratto dà altri frutti

Oltre agli aumenti salariali mensili in busta paga dal 1º gennaio 2010 e al miglioramento delle tutele e dei diritti, continua il percorso di attuazione degli impegni concordati nel Contratto nazionale metalmeccanici. Fim e Uilm hanno firmato con Federmeccanica e Assistal le «Linee Guida per la diffusione del Premio di risultato».
Siamo la prima categoria a completare questo percorso e a rendere efficace questo strumento che mette a disposizione del territorio importanti opportunità di crescita e sviluppo. E' la conclusione della prima tappa prevista tra le parti per la diffusione e regolamentazione della contrattazione di secondo livello poiché la medesima commissione ha, sempre in base al dettato del CCNL rinnovato il 15 ottobre 2009, anche il compito di «definire la disciplina del secondo livello di contrattazione in coerenza con l'Accordo interconfederale del 15 aprile 2009».
Nello specifico le linee guida sottoscritte contengono: lo schema di accordo tipo; le indicazioni metodologiche ed operative per la definizione dei Premi di risultato sulla base di tipologie organizzative e produttive delle aziende alle quali vengono associati indicatori utilizzabili; la procedura per la definizione dell'accordo nelle aziende nelle quali non è presente la Rsu.
Come è stato precisato nell'accordo le indicazioni riportate non hanno la pretesa di essere esaustive, ma hanno lo scopo di fornire suggerimenti per facilitare la diffusione del salario legato ad obiettivi e non precludono integrazioni o modifiche o adattamenti quando valutati idonei per l'accordo e per i relativi benefici salariali.
Per valorizzare questo nuovo strumento, concordato tra le parti sindacali e associazioni delle imprese metalmeccaniche, si promuoveranno iniziative a livello territoriale. Infine, a breve verrà completato tra Fim Uilm e Federmeccanica-Assistal il percorso istitutivo dell'organismo bilaterale nazionale per il settore installazione impianti che, una volta reso operativo nelle sue funzioni, gestirà su base mutualistica, come previsto dal Contratto nazionale, il fondo di solidarietà di sostegno al reddito dei lavoratori metalmeccanici in cassa integrazione e malattie lunghe. La Fim Cisl è a disposizione dei metalmeccanici per avviare i percorsi di confronto per realizzare gli accordi aziendali.

Marco Dalzoppo   Segretario Fim Cisl Mantova