Aironi, Silvano Melegari presidente


VIADANA.Entro il 15 aprile, davanti ad un notaio, il progetto Aironi diverrà realtà societaria, dopo che gli otto club che hanno aderito al progetto Celtic League avranno definito, ciascuno per la propria competenza, l'approvazione delle strutture dirigenziali. E' questo l'esito della riunione che si è svolta ieri sera fra i rappresentanti del Montepaschi Viadana, del Gran Parma, del Rugby Parma, del Dak Mantova, del Colorno, del Noceto, del Reggio Emilia e del Modena. La nuova società verrà presieduta dall'attuale massimo dirigente della Mps, Silvano Daniele Melegari; il ruolo di direttore generale verrà affidato a Franco Tonni mentre per lo staff tecnico non è stata ufficializzata alcuna decisione.
E' ufficiale, invece, la ripartizione delle quote societarie: Montepaschi Viadana manterrà la maggioranza assoluta con il 54%; Colorno avrà il 10%, Gran Parma e Rugby Parma avranno il 10%, Noceto deterrà il 5%; Dak Mantova, Reggio e Modena avranno il 2%.
«Entro un mese - ha sottolineato il presidente Melegari - verrà definita anche la composizione del consiglio di amministrazione, che sarà composto da 15 membri; il consiglio direttivo, che avrà il compito di procedere alle decisioni maggiormente operative, sarà di cinque persone». Oltre alla Celtic la franchigia degli Aironi sarà impegnata nel rinnovato progetto del Super 12, mentre rimane da definire l'istituzione di una squadra per il campionato Under 20.
Venerdi 26 Montepaschi riprenderà il campionato Super 10, dopo la pausa per il Sei nazioni, affrontando allo «Zaffanella» alle 18 (diretta Raisport) i Cavalieri Prato.

Alberto Fortunati