Brucato in pole per fare il vice

MANTOVA.Terminata in anticipo l'avventura in panchina di Attilio Tesser, la guida tecnica del Mantova è stata momentaneamente affidata a Mirko Benevelli. La società sembra intenzionata a far traghettare i biancorossi dall'allenatore virgiliano fino alla fine del campionato, lavorando in questo lasso di tempo già in proiezione futura. Il presidente Fabrizio Lori e il direttore sportivo Giuseppe Magalini vorrebbero cercare solo successivamente un tecnico con cui dare il via a un nuovo ciclo dalla prossima stagione.
Per fare tutto ciò però sarà ugualmente necessario ingaggiare un altro mister, dal momento che Benevelli non è in possesso del patentito di prima categoria, richiesto per condurre una formazione in serie B.
Al momento non è stato indicato chi sarà il tecnico su cui Viale Te è intenzionata a far cadere la sua scelta. Le candidature sembrano comunque ridursi a tre. In pole nella corsa per affiancare in panchina Benevelli c'è il 47enne Luciano Brucato (compirà 48 anni il 23 marzo), che lo scorso anno ha allenato sino al 20 febbraio la Pro Vercelli.
Ma tra i papabili vi sono anche il 45enne di Bassano del Grappa Maurizio Viscidi, due anni fa protagonista di una sfortunata parentesi a Modena (appena tre partite dopo essere subentrato a Pioli), e il 52enne Luciano Miani che ha alle spalle esperienze sulle panchine di Chievo e Trento e ha lavorato come tecnico anche nelle giovanili del Vicenza.
Lo stesso vivaio che lanciò nel panorama degli allenatori un nome assai caro all'Acm: quel Mimmo Di Carlo che a giugno potrebbe clamorosamente far ritorno al Martelli appena una stagione dopo il suo addio. Il tecnico attualmente in bilico, a fine stagione lascerà sicuramente Parma. E non è da escludere che il presidente Lori possa richiamarlo per porre fine a un divorzio per il momento non ha portato benefici né al Mantova né al tecnico di Cassino.
Tra i nomi che circolano per il futuro, infine, vi è pure quello di Bortolo Mutti, attuale tecnico del Modena.