Liquami, Speziali scrive all'assessore Castelli

!-- matteo bernardelli --b MANTOVA. /b Il mondo agricolo rischia di affogare nei liquami, per usare un termine tanto tecnico quanto eufemistico. Questa volta lo sciopero degli autotrasportatori non c'entra. La denuncia viene sollevata da Marco Speziali, presidente dell'Associazione provinciale delle imprese di meccanizzazione agricola, con una lettera all'assessore provinciale Maurizio Castelli. Lo stop alla circolazione di letame e liquame è stato imposto dalla Regione Lombardia. Secondo il decreto della giunta lombarda, nelle zone vulnerabili («che a Mantova investono 4 Comuni su 70», ricorda Speziali) è imposto il fermo vincolante per la movimentazione di fanghi dal 1º novembre al 28 febbraio, mentre dal 1º dicembre a fine di febbraio è vietato il trasporto e lo spandimento di liquami e altre tipologie. Speziali denuncia all'assessorato provinciale all'agricoltura la situazione di insostenibilità nell'applicazione della norma. «Non possiamo rispondere alle chiamate delle aziende, che devono intervenire con gli spandimenti sia per scopi colturali - scrive Speziali a Castelli - che per svuotare le vasche di contenimento, con gravi danni al settore». (m.b.)BR