Fondi per binari e banchine al porto E l'A22 finanzia il raccordo stradale

bUndici milioni e mezzo di euro per completare i primi due lotti del porto, allungare i binari fin sotto i magazzini delle granaglie e realizzare nuove banchine. C'è un investimento forte anche sulla piattaforma di Valdaro tra i finanziamenti previsti dalla Regione per sviluppare la navigazione interna e i sistemi di trasporto alternativi alla gomma. «Interventi che si sommano all'impegno di Autobrennero e candidano Valdaro ad essere sempre più una porta per l'Europa», commenta il presidente Fontanili.BR /b Il salto di qualità è in corso. «Da quando la Regione ci ha affidato il porto - ricorda il numero uno di Palazzo di Bagno - il raccordo ferroviario è diventato una realtà, abbiamo messo in cantiere il secondo hangar, ci sono nuove aziende che si candidano a sfruttare l'intermodalità, aumentano i volumi di merci ed ora arrivano i riconoscimenti della regione e di A22». La prima si è impegnata a finanziare il completamento del primo e del secondo lotto - un chilometro e mezzo di nuovi binari, 550 metri di banchine da realizzare ex novo - piazzali, impianti elettrici, sottoservizi - l'altra mercoledi ha messo a disposizione undici milioni di euro per il raccordo autostradale tra l'uscita di mantova Nord e Valdaro. «Un'opera per cui siamo pronti a lanciare la gara d'appalto», spiega il vice presidente Claudio Camocardi.BR L'interesse di Autobrennero, non si limita all'asfalto. La spa, che opera già nel trasporto intermodale con la holding Str Brennero Trasporto Rotaia e con la controllata Rail Traction Company - si è candidata a gestire, insieme alla Valdaro spa e ad altri operatori privati, il nuovo terminal merci all'interno dell'area intermodale di Valdaro. L'interesse c'è, i contatti sono stati già attivati. Ed entro fine anno, A22 e Valdaro spa dovrebbero tornare ad incontrarsi per prendere in esame lo studio predisposto dalle Ferrovie.BR Nell'area che fa parte del piano di insediamento produttivo di Mantova, già servita dalla strada che arriverà fino al terminal merci, è intanto in arrivo un'altra azienda che opera nel settore dei trasporti, la Tcf di Rosignoli. Finora sono ventiquattro le imprese che hanno scelto Valdaro, per un totale di oltre 130 milioni di euro di investimenti e più di seicento nuovi addetti, a cui se ne aggiungeranno - sulla base dei piani industriali collegati ai nuovi insediamenti - altri duecento. Tra i colossi che stanno mettendo radici, c'è la Thun, il gruppo di Bolzano che ha già aperto il cantiere per il maxi-centro logistico e per il nuovo shop, su una superficie di oltre 40mila meri quadrati.BR