Con l'ambulanza in tv Chiesto rinvio a giudizio per Gustavo Selva

b ROMA. /b Per aver usufruito di un'ambulanza fingendo un malore, il senatore Gustavo Selva, ex An ora in Forza Italia, rischia di finire sotto processo, a Roma, per truffa ed interruzione di pubblico servizio. Il procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani ha chiesto il rinvio a giudizio del parlamentare per i fatti che risalgono al 9 giugno scorso. In quell'occasione Selva approfittò dell' ambulanza, nel caos cittadino determinato dalla presenza del presidente americano George W. Bush a Roma, per farsi portare negli studi dell'emittente La7 dove era in programma un dibattito televisivo. La vicenda giudiziaria ha preso spunto da un esposto contenente la relazione chiesta dal presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, al direttore generale dell'Ares-118 del Lazio Vitaliano De Salazar. Agli atti della procura fini anche il video mandato in onda da La7 nel quale lo stesso Selva avrebbe ammesso l'escamotage ideato per raggiungere in tempo gli studi televisivi.BR