Dramma di Elisa: c'è un indagato

b CASTELBELFORTE. /b C'è un indagato nella drammatica vicenda dell'uscita di strada di Elisa Burlini, 30 anni, la giovane madre di Castelbelforte che da lunedi sera sta lottando contro la morte in un letto della Rianimazione del «Carlo Poma». E' il conducente dell'auto posta sotto sequestro. Lesioni gravi e omissione di soccorso le ipotesi di reato contestate. Ma si tratta di un atto dovuto avendo gli investigatori deciso di sequestrare la vettura degli amici al fine - viene sottolineato - di escludere coinvolgimenti.BR Un dato frattanto sembra certo: la Fiat Bravo - che si trova nella sede della Polstrada - non presenta segni o ammaccature che possano far pensare ad un «contatto» con un altra vettura. In corso anche altri accertamenti atti a stabilire l'eventuale presenza di tracce organiche. A tal proposito, nei prossimi giorni dovrebbero giungere a Mantova gli uomini della polizia scientifica di Milano per un approfondimento dei controlli al fine di chiarire ogni dubbio.BR Accertamenti che saranno eseguiti anche sugli abiti di Elisa Burlini per rilevare eventuali tracce riconducibili alla presenza di un'auto pirata, che potrebbe - questa è la sensazione degli inquirenti - averla agganciata dopo essere stata sbalzata sull'asfalto per effetto del violentissimo impatto provocato dall'uscita di strada.BR Pare invece da escludere che Elisa sia stata investita, anche perchè non presenta segni di schiacciamento. Più plausibile, invece - come detto - che possa essere stato agganciato il vestito e trascinata per alcuni metri sull'asfalto. A tal proposito, è stata rilevata una striscia rossa, una specie di scia che avvalorerebbe appunto un'azione di trascinamento del corpo.BR Proprio sulla scorta di questi elementi gli investigatori ritengono più che probabile la presenza di un'auto pirata. Il drammatico incidente è accaduto lunedi sera, verso le 20,30, in strada Roncolevà mentre Elisa Burlini, alla guida di una Seat Ibiza, stava facendo ritorno a Castelbelforte. Probabilmente la velocità, abbinata a qualche altra causa, potrebbe aver contribuito a farle perdere il controllo della guida provocando lo schianto. Un impatto pauroso, in conseguenza del quale è stata proiettata fuori dall'abitacolo della vettura, ridotta ad un rottame, finendo sull'asfalto dove - come detto - sarebbe stato poi agganciata da un'auto pirata. (g.b.)BR