L'Everlasting 2 infila nove mete


VIADANA. Sette giorni fa le mete erano state 14, stavolta l'Everlasting 2 si è fermato a quota 9. Ma la notizia è che gli spagnoli del Valladolid hanno violato la difesa viadanese portandosi a casa la soddisfazione di aver segnato una meta. Frutto di un intercetto all'inizio in una gara che, inevitabilmente, è stata ricca di errori. Ma i rincalzi gialloneri hanno fatto il loro dovere, con impegno fino al termine.
Nemmeno il tempo di affondare il primo attacco che l'Everlasting va già in meta con il pilone Aguero sulla spinta del raggruppamento giallonero. Ma gli spagnoli replicano di li a poco grazie ad un intercetto di Mahamud a metà campo: il mediano di apertura ospite si invola senza problemi sotto i pali. L'errore decisivo è del numero 10 di casa Tonni che apre inopportunamente saltando un paio di compagni con la difesa ospite già piatta: 7-7. Aguero riporta in vantaggio l'Everlasting con un efficace sfondamento sulla fascia destra.
La partita ha un buon ritmo ma la concentrazione non è al massimo vista l'alta percentuale di errori, soprattutto ‘in avanti', commessi da entrambe le parti. Il Valladolid è sgusciante quando la palla è al largo, in mano ai bassi ma veloci ospiti sui quali però il Viadana prende presto le misure. La terza meta al 19' per merito di Angeloni che trova il varco sulla sinistra dopo un'azione di numerose fasi. La quarta è invece di Mazzantini che sfrutta una ripartenza da pochi metri dalla linea bianca dopo un fallo per fuorigioco spagnolo. Dopo aver realizzato due mete, Aguero al 32' diventa anche protagonista in negativo subendo il ‘giallo' per aver fatto crollare la mischia. L'Everlasting fa buona guardia e respinge la serie di attacchi del pack avversario. Prima del riposo la meta con Bezzi: 33-7.
L'inizio del secondo tempo è soporifero, con i padroni di casa che faticano a ingranare. Ci vuole quasi un quarto d'ora per la sesta meta che porta la firma di Beim che si ripete 4' dopo. Fa il bis anche Mazzantini. La partita si trascina sullo stesso tema tattico: gli spagnoli in evidente calo fisico e i viadanesi padroni del gioco, tanto che Stead fugge da metà campo per la nona meta: 59-7 a 15' dal termine.
La partita offre pochi stimoli ma l'Everlasting ha comunque il merito di continuare a giocare fino al termine con una buona determinazione. Gli spagnoli sono ammirevoli per la voglia di contrastare i gialloneri che ci mettono ancora. Dopo una buona mezz'ora passata a subire costantemente, il Valladolid ha la forza di gettarsi in avanti alla ricerca della seconda meta. Ma i padroni di casa sono impietosi e respingono l'assalto.
le gambe. E adesso l'Agen degli ex Persico e Dellapè.
RISULTATI.Montpellier-Rovigo 59-3; Overmach Parma-El Salvador 36-10; Beziers-Padova 69-18; Pau-Skg 31-22; Agen-L'Aquila 59-21; Clermont Auvergne-Leonessa 51-6. Qualificate: Montpellier, Overmach Parma, Beziers, Pau, Agen e Clermont Auvergne.

Leonardo Bottani