È nato Corrado, principe ereditario

È nato Corrado Gonzaga di Vescovato, che sarà anche V marchese del Vodice e, in linea di successione, ultimo - in ordine di arrivo - pretendente al trono di Mantova, se il ducato ci fosse ancora.
Il lieto evento all'ospedale di Parma, alle 12.10 di mercoledi 28 luglio, la mamma signora Orsola Bocchi sta benissimo, quanto al papà principe Ferrante, è talmente felice da precisare al cronista che Corrado, primogenito, pesava alla nascita 3 chili e 099, misurando 54 centimetri.
In famiglia, il 2004 ha segnato un altro evento: il 29 marzo, Luisa Anguissola Scotti dei conti di Podenzano e Ville, nel suo castello piacentino di Agazzano, ha salutato il suo 101º compleanno. La contessa Luisa é bisnonna di Corrado, il quale rinnova il nome del nonno e quello del fondatore che diede il nome alla casa, probabilmente di origine longobarda: Corradi da Gonzaga. Gli alberi genealogici nobiliari sono sempre intricati proprio per il rinnovarsi dei nomi nelle generazioni: é certo intanto che la continuità dei Gonzaga, per il ramo di Vescovato, è assicurata. «Lasciando a parte gli antichi titoli nobiliari - dice Ferrante - credo sia importante conservare la storia e le tradizioni familiari, con relativi valori».
Valori e tradizioni che a Mantova sono fissati nel bronzo dei busti presenti nel giardino di piazza Lega Lombarda (piazza Pallone): trasmettono la memoria del principe Maurizio Ferrante Gonzaga di Vescovato (1861-1938), generale di Corpo d'Armata, due medaglie d'oro, nella prima guerra mondiale, dal 1932 marchese del Vodice, il monte conquistato con i suoi alpini, senatore del Regno.
Altro memoriale per il generale Ferrante Vincenzo Gonzaga del Vodice (1889-1943), caduto a Bucoli di Conforti (Eboli-Salerno) per non arrendersi ai tedeschi dopo l'8 settembre 1943. La contessa Luisa è la vedova dell'eroico ufficiale, pluridecorato.
Delle generazioni Gonzaga successive, Maurizio vive a Roma, Corrado a Piacenza, Isabella (sposata Heidkamp) a Buenos Aires.
Il principe neo papà Ferrante vive a Fontanellato, nella Bassa Parmense, dove conduce un'impresa agro-zootecnica: vacche da latte e Parmigiano Reggiano. «In fondo - dice in principe - é un ritorno dei Gonzaga a Fontanellato. Il Parmigianino, nella Rocca, ha dipinto il ritratto di Paola, moglie di Galeazzo Sanvitale. Era una Gonzaga, figlia di Ludovico di Sabbioneta».
L'altro ramo dei Gonzaga di Vescovato vive tra Milano e Bergamo: frequentissime le presenza a Mantova del principe Gianfrancesco e del figlio Carlos, che però è padre di quattro ragazze. (rda).