Piazza dedicata a Sergio Morselli

CASTELLUCCHIO.Il comune di Castellucchio per ricordare Sergio Morselli, portiere «paga rigori» prima del Mantova e poi del Napoli in serie A, riserva di Bugatti, a quel tempo titolare della nazionale, gli ha intitolato una piazza in borgo Codifre'r (lottizzazione ditta Terenzio Passali), dove Sergio era cresciuto come uomo e calciatore.
Nato il 2 marzo 1924 moriva il 4 marzo 1979 a soli cinquantacinque anni. Oltre ai parenti e amici, alla cerimonia di intitolazione erano presenti i giovani calciatori e dirigenti dell'Unione sportiva Castellucchio. E' stata scoperta la targa, coperta dalla bandiera italiana, con la ufficialità delle grandi occasioni con il vice sindaco Enrico Delvò in fascia tricolore, che ha letto il fax dei figli di Sergio, rammaricati per non poter essere presenti, abitando a Napoli, ma contenti per il riconoscimento verso il loro papà: con questo gesto di riconoscimento si è voluto ricordare un campione sportivo, come si è fatto per Danilo Martelli e Guido Leoni, che a quei tempi di Sergio Morselli erano amici, e che furono accomunati da un destino ingrato, la scomparsa prematura. Da diversi anni l'assessorato allo sport, assieme alla società sportiva Us Castellucchio, organizza un torneo quadrangolare giovanile a lui dedicato, un segnale del fatto che gli sportivi castellucchiesi ricordano con orgoglio i campioni che col loro talento hanno onorato e fatto conoscere il loro paese in Italia e in Europa.