Senza Titolo


ORA CHE il suo bimbo è natolei continua il suo drammaticoviaggio dentro il silenzio del coma.Poche ore dopo che era venutoalla luce, Alessio è statotraferito a bordo di un'ambulanzadotata di un'incubatricedonata da Ezio Greggio, alCentro neonati a rischio dell'ospedaleGaslini. Le sue condizionisono gravi poichè il piccolinoè nato prima del termine,dopo solo 29 settimane di gestazione.®Oggi, la soglia minimadi sopravvivenza per unbimbo prematuro¯, ha spiegatoil professore Sandro Trasino,uno dei medici che hannoassistito al parto di Paola, ®è di28 settimane. Ora si tratta divedere le reazioni di Alessio,nato in circostanze veramenteeccezionali¯. La sua vita è quindi appesaad un filo, come quella dellasua mamma. ®Il neonato presenta un'importantesindrome respiratoriaper la quale si è resa necessariala respirazione meccanica. Perquesto bambino è particolarmentedifficile fare previsioni¯,ha detto il professor GiovanniSerra, primario di patologianeonatale del Gaslini, ®vista lamancanza di una casistica precedente.Il rischio permarrà elevatofino al giorno in cui il piccolonon sarà in grado di respirareda solo¯. Ma per Alessio iproblemi non sono solo fisicima anche di ordine psicologico.®I processi naturali di scambiotra madre e figlio in fase digestazione¯, ha detto Serra,®non sono stati ottimali, siadal punto di vista alimentareche da quello psicologico. Acomplicare ulteriormente la situazionec'è il rischio di una setticemianeonatale in quanto siteme una carenza immunitariache faciliterebbe lo svilupparsidi infezioni¯. Appena giunto al Gaslini ilbimbo è stato messo in una cullaparticolare, una sorta digrembo che lo mantiene in unaposizione simile a quella fetaleper migliorare la condizionepsicologica. Viene nutrito conuna sonda che, inserita nellabocca, arriva fino allo stomaco.Per ora non gli è stato ancorasomministrato un alimentosolido ma presto gli verrà datoil latte di una nutrice, ritenutopiù digeribile. Le funzionalitàdel sistema circolatorio cerebralevengono controllate con l'ecodopplerutilizzando anchenuove tencologie per monitorarel'ossigenazione. E' molto importante,in questa fase, l'accudimentodi Alessio da parte delpersonale del servizio. ®Se nonavessero costanti e amorevolicure i bambini in queste condizioninon potrebbero sopravvivere¯,ha concluso il medico.