Pedalare sospesi sul lago di Garda, i visitatori: "Sensazione di vuoto e pace incredibile"

video Tantissimi turisti sono accorsi per partecipare all’inaugurazione dei primi due chilometri della ciclopista sospesa sul lago di Garda nel tratto compreso tra Limone e il confine trentino. Una pista ciclabile costruita a sbalzo sul lago più grande d'Italia formata da un nastro largo 2,60 metri appeso al costone perpendicolare alla montagna e sospeso a circa 50 metri sul livello dell’acqua. Come sottolineato dal sindaco di Limone sul Garda Franceschino Risatti, "la pista ciclabile è stata costruita in soli due anni per un costo dell’opera di poco superiore ai sette milioni" di Edoardo Bianchi

Ostia, Gay Pride antimafia con Federica Angeli: "Il coraggio contro la paura di uscire allo scoperto"

video I volti e le voci del Lazio Pride, con lo slogan "Invertiamo la rotta" invadono le strade di Ostia, sul litorale romano. Centinaia di persone hanno partecipato alla marcia per i diritti delle persone omosessuali che quest'anno ha acquistato anche un altro significato: manifestare contro la mafia proprio nel municipio che qualche anno fa fu commissariato. Sul palco è salita anche Federica Angeli, giornalista di Repubblica sotto scorta e testimonial dell’evento: "Ci sono le vittime dell'omofobia e le vittime di mafia. Abbiamo in comune il fatto di essere vittime del silenzio. Nel mio lavoro ho sempre cercato di uscire dalla paura ed espormi. Bisogna denunciare con coraggio, lo dobbiamo ai nostri figli". di Livia Crisafi e Pasquale Quaranta

Migranti, Toninelli: "Non terremo tutti i 450 migranti salvati oggi"

video "L'Italia sta facendo la propria parte in maniera straordinaria. Oggi abbiamo salvato 450 richiedenti asilo che avrebbe invece dovuto salvare Malta". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli in occasione dell'inaugurazione della pista ciclabile a Limone sul Garda. "Non abbiamo nulla contro Malta ma mi chiedo perché dobbiamo accollarci noi tutti i 450 immigrati. Noi li abbiamo salvati, ma la gestione va condivisa", ha osservato, convinto che "con la rigidità seria e obiettiva del presidente Conte gli altri Paesi dell'Europa inizieranno a rispondere. Altrimenti prenderemo contromisure". "Dei 450 profughi arrivati oggi - ha concluso - prenderemo la nostra quota ma non sicuramente tutti". Video di Edoardo Bianchi

Lazio Pride, Federica Angeli a Ostia contro mafia e omofobia: "Siamo vittime del silenzio"

video Il Lazio Pride, con lo slogan"Invertiamo la rotta" ha invaso le strade di Ostia, sul litorale romano. La parata per l'orgoglio omosessuale quest'anno ha acquistato anche un altro significato: manifestare contro le mafie proprio nel municipio che qualche anno fa fu sciolto per mafia. Sul palco è stata invitata Federica Angeli, giornalista di Repubblica sotto scorta. Che ha salutato così il popolo del Pride: "Ci sono le vittime dell'omofobia e le vittime di mafia. Abbiamo in comune il fatto di essere vittime del silenzio. Io nel mio lavoro ho sempre cercato di uscire dalla paura ed espormi. E ora sono anni che vivo sotto scorta. Bisogna andare a denunciare con coraggio, lo dobbiamo ai nostri figli. Ho perso la mia libertà, ma ne è valsa la pena. Io sarò sempre al vostro fianco".

Ventimiglia, in marcia contro le frontiere chiuse: in 7mila con uno slogan: "L'Italia non è Salvini"

video Il sindaco Enrico Ioculano (Pd) aveva chiesto di annullare la manifestazione temendo disordini (e ripercussioni sullo shopping dei turisti francesi nel giorno della loro festa nazionale). Ma tutto è stato confermato e sul confine tra Italia e Francia, per il corteo "Ventimiglia città aperta", sono arrivate Italia, Francia e Spagna almeno 7mila persone, 10 mila secondo gli organizzatori: i ragazzi del Progetto 20k e con loro collettivi da tutto il nord, Arci, sindacati, Comunità di San Benedetto, Coordinamento nazionale Comunità di Accoglienza. Tutti dietro la raffigurazione di un bacio, simile a quello apparso sui muri di Roma tra Salvini e Di Maio, ma questa volta tra lo stesso Salvini e il sindaco Ioculano. E tutti a un unico grido: "L'Italia non è Salvini, qui c'è l'Italia che protesta contro le sue politiche migratorie", come dicono il sociologo Marco Revelli e Vauro Senesi, che definisce la politica italiana "complice del nuovo olocausto, quello dei migranti" Video di Giulia Destefanis

Gay pride a Napoli, il discorso del partigiano: "Lottiamo insieme per i diritti"

video Napoli, al gay pride prende la parola il partigiano delle Quattro giornate Antonio Amoretti: "I vostri diritti - dice - sono quelli di tutti i cittadini, lottiamo insieme. Non esistono le razze ma la specie umana che deve unirsi per difendere i diritti di tutti gli uomini e le donne del mondo. Serve un'umanità migliore. Sono orgoglioso di essere stato testimone della prima unione civile gay a Napoli". La folla applaude, grida libertà e canta "Bella ciao".Video Antonello Sannino

Migranti, migliaia in corteo a Ventimiglia per l'accoglienza: "L'Italia non è Salvini"

video Le premesse erano tese, con il sindaco Enrico Ioculano (Pd) che aveva chiesto di annullare la manifestazione temendo disordini (e ripercussioni sullo shopping dei turisti francesi nel giorno della loro festa nazionale). Ma tutto è stato confermato e sul confine tra Italia e Francia, per il corteo "Ventimiglia città aperta", sono arrivate da tutta Italia ma anche da Francia e Spagna almeno 7 mila persone, 10 mila secondo gli organizzatori, ovvero i ragazzi del Progetto 20k e con loro collettivi da tutto il nord, e poi Arci, sindacati, Comunità di San Benedetto, Coordinamento nazionale Comunità di Accoglienza. Tutti dietro la raffigurazione di un bacio, simile a quello apparso sui muri di Roma tra Salvini e Di Maio, ma questa volta tra lo stesso Salvini e il sindaco Ioculano. E tutti a un unico grido: "L’Italia non è Salvini, qui c’è l’Italia che protesta contro le sue politiche migratorie", come dicono il sociologo Marco Revelli e Vauro Senesi, che definisce la politica italiana "complice del nuovo olocausto, quello dei migranti" (videoservizio di Giulia Destefanis)