Pd, Ricci: "No a nome di Renzi nel simbolo, questione rimane"

video Matteo Renzi durante la direzione del Pd ha ribadito il suo no all'ipotesi di mettere il suo nome nel simbolo del Pd alle Europee mentre per quanto riguarda le prossime politiche il premier ha ricordato di "essere stato sempre a favore". Matteo Ricci - vicepresidente dei democratici - che era stato il primo a proporre un logo del Pd che comprendesse il nome di Renzi accetta la decisione contraria ma dice: "Il problema politico rimane, il consenso di cui gode Renzi è un valore aggiunto ed è un peccato non sfruttarlo" (video di Marco Billeci)

Insinna, debutta La Pista... ma nessuno è pronto

video Parte il nuovo show condotto da Flavio Insinna, in prima serata su Raiuno, con la partecipazione straordinaria di Rita Pavone, Gigi Proietti e Claudia Gerini. Cinque puntate dove i veri protagonisti - ragazzi arrivati da tutta Italia - sono gli ottanta ballerini divisi in otto gruppi da dieci elementi ciascuno, uniti dalla grande passione per la danza, declinata in ogni forma e in ogni stile

Direzione Pd, scontro sul job act

video "Il decreto sul lavoro va cambiato perché l'Italia non deve competere in termini di competitvità con la Turchia, abbassando le tutele, ma con la Germania". Così il deputato Pd Stefano Fassina a margine della direzione del Partito democratico mentre l'altro esponente della minoranza, D'Attorre chiede di affiancare subito sui contratti a termine e l'apprendistato le norme sull'ammortizzatore universale per i disoccupati e il contratto di inserimento a tutele progressive (video di Marco Billeci)

Scopelliti: "Me ne vado, ma è una sentenza clamorosa"

video "Le sentenze vanno rispettate, soprattutto quando si è uomini delle istituzioni, ma non posso esimermi dal commentare quella che mi riguarda. Una sentenza clamorosa che lancia un messaggio inquietante e pericoloso per tutti gli amministratori del Paese" ha detto il governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti (Vista Agenzia Televisiva Parlamentare / Alexander Jakhnagiev)

Teatro, Craxi come Foscolo: in scena ''Le ultime lettere di Bettino''

video "Piango la patria mia che mi fu tolta. E il modo ancor m'offende": Bettino Craxi vittima ed esule come lo Jacopo Ortis di Ugo Foscolo. È il ritratto portato in scena a Milano dal cognato ed ex sindaco del capoluogo meneghino Paolo Pillitteri con lo spettacolo teatrale Le ultime lettere di Benedetto, detto Bettino. Un po' autobiografia del leader Psi, un po' invettiva contro i giudici di Mani pulite. "Oggi Craxi avrebbe compiuto ottant'anni, se non fosse morto ad Hammamet. È il nostro modo per augurargli buon compleanno", spiega Pillitteri(di Antonio Nasso)