Da Moses Boyd a Mark Lettieri, il grande jazz internazionale protagonista a Firenze

video Una rassegna di cinque giorni tutta dedicata al jazz contemporaneo, con 40 concerti nei dieci luoghi simbolo dell'Oltrarno fiorentino, così si presenta la prima edizione del Firenze Jazz Festival. Sotto la direzione artistica di Enrico Romero più di cento artisti nazionali e internazionali si esibiranno nei giardini, nelle piazze e nei club di Firenze dall'11 al 15 settembre.Più di un festival, un laboratorio culturale che riunisce un'intera comunità che ruota intorno a realtà affermate sul territorio e grandi festival internazionali: dallo storico "Settembre in Piazza della Passera" durante il quale si terrà l'anteprima del FJF (10/09), all'Edinburgh Jazz & Blues Festival (11/09), fino alle collaborazioni con Musicus Concentus (14/09), Music Pool (13-14-15/09) e Jazz:Re:Found (11/09).Sguardo puntato all'estero con ospiti internazionali come Moses Boyd, uno degli artisti di punta della scena londinese, Graham Costello con gli STRATA e il power trio di AKU! entrambi dalla Scozia. Non mancheranno grandi chitarristi, come gli americani Mark Lettieri e Mark Ribot, senza dimenticare l'italiano Paolo Angeli.Un festival jazz proiettato al futuro ma con radici ben salde nella tradizione, a partire dai circoli e locali del Lungarno che per l'occasione si trasformano in jazz club, grazie a concerti e jam session che durano fino a tarda notte. (video Firenze Jazz Festival)

Nel territorio indios Munduruku, fra i cercatori d'oro e i coltivatori di soia

video Caetano Scannavino, coordinatore della Ong Saude e Alegria, parla dal territorio indigeno di Munduruku inserito nell'area di conservazione Itaituba 2. È un'area ad elevato conflitto sociale e ambientale tra quelle che più di tutte sta subendo l'assalto dei garimpo, cercatori d'oro e diamanti, e dei coltivatori di soia. Qui il 90% dell'oro estratto è illegale e le acque sono inquinate dal mercurio con gravi ripercussioni sulla salute delle popolazioni indios e locali, si sta registrando un'elevata mortalità infantile. Tutte queste attività illegali avvengono nell'assenza totale di controllo da parte della polizia federale. Video a cura di Angelo Bonelli

Nell'area di conservazione ambientale Tapajos, dove le comunità lavorano il latex

video Nell'area di conservazione ambientale del Tapajos gestita dall'istituto Chico Mendes, vi sono numerose comunità che lavorano il latex, gomma naturale, estratto dall'albero della siringa. Il presidente Bolsonaro ha inserito quest'area protetta tra le 334 di tutto il Brasile che dovranno o essere eliminate o ridotte drasticamente per lasciare spazio allo sfruttamento minerario, agricolo e dell'allevamento. Nella comunità di Maguari parla Arimar, che lavora estraendo il latex dall'albero della siringa, da qui il nome seringueros, per produrre sandali, borse e giochi per bambini. Arimar è stato minacciato di morte per la sua battaglia in difesa della foresta e per aver criticato le politiche di deforestazione. A pochi chilometri da Maguari c'è la comunità di Jamaraqua. Qui sono le donne di Jamaraqua che hanno un ruolo inmportante: gestiscono un laboratorio per la produzione di collane, bracciali, borse e scarpe tutte di latex, usano il seme dell'Urucun per dare la colorazione naturale ai loro prodotti. Solange, capo della comunità, parla con preoccupazione delle politiche di attacco alla foresta. Video a cura di Angelo Bonelli

Federica Pellegrini da Mattarella: "Protegga lo sport in Italia. Io pronta per la quinta Olimpiade"

video "Le chiedo umilmente di proteggerci, di proteggere il nostro mondo, perchè lo sport in Italia funziona e continua a far crescere generazioni intere, nel segno del sacrificio, della disciplina, della dedizione e del fair-play": è l'appello lanciato da Federica Pellegrini al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante l'udienza al Quirinale dei partecipanti alla trionfale spedizione italiana ai mondiali di nuoto che ha fruttato 15 medaglie. (video Quirinale)

L'ex 007 Valerie Plame si candida al Congresso: lo spot è come un film

video L'ex spia Usa è tornata, pronta a correre per il Congresso nel Nuovo Messico. Il video con cui lo annuncia non è esattamente intriso di politica, immagini casalinghe di valori americani o familiari, quello che Valerie Plame, democratica ex agente della Cia, ha pubblicato sembra più il trailer di 'Mission Impossibile' o lo spot di qualche nuova auto performante.Lei, bionda e statuaria, alla guida di una macchina lanciata a tutta velocità in strade deserte che fa una spericolata inversione a U, sotto la scritta "questo Paese ha davvero bisogno di una svolta radicale". E poi: "Sì, la Cia davvero insegna a guidare così". Infine l'annuncio: "Presidente, sto arrivando, abbiamo dei conti in sospeso".Nel 2003 l'amministrazione Bush fece saltare la copertura dell'agente Cia per vendetta politica. Il marito, Joseph C. Wilson, diplomatico statunitense, aveva infatti espresso posizioni polemiche nei confronti del governo in un editoriale su NY Times in cui accusava il governo di aver cambiato i risultati delle indagini segrete sull'Iraq per permettere un'azione militare diretta contro il Paese.Poco dopo il nome di Plame fu rivelato al 'Washington Post' che lo diffuse. Nel video, l'ex 007 punta il dito contro Scooter Libby, ex capo dello staff del vicepresidente Dick Cheney. Condannato per falsa testimonianza e ostruzione alla giustizia, Libby è stato in seguito graziato da Donald Trump. (video YouTube / Valerie Plame for Congress)

La diva delle dive: Renée Zellweger è 'Judy'

video Un'interpretazione straordinaria con cui Renée Zellweger mette una seria ipoteca sull'Oscar: è Judy Garland, la diva delle dive, nel film 'Judy' di Rupert Goold, in uscita nelle sale italiane entro la fine dell'anno. Il film racconta l’ultimo periodo della vita della grande attrice e cantante, sul finire di una carriera sfolgorante iniziata giovanissima con la Dorothy de "Il mago di Oz". Un mix di fama e successo, fra Oscar e Golden Globe, le battaglie con il suo management, i rapporti con i musicisti, i fan, i suoi amori tormentati e il dramma familiare che la spinse a fare i bagagli e a trasferirsi a Londra. Anni in cui regalò al pubblico alcune delle performance più iconiche della sua carriera come la la famosissima “Over the rainbow”.

Amazzonia, l'Appello dei leader indios: "Abbiamo bisogno del vostro aiuto"

video Vandria, leader indios di etnia Borari, è la prima donna nello stato del Parà a diventare avvocato: denuncia i crimini contro la foresta amazzonica e gli indios. Combatte le politiche di Bolsonaro che ha tagliato i fondi per la formazione e l’educazione degli indios, e contro le coltivazioni selvagge di soja. Vandria chiede aiuto e una mobilitazione internazionale in difesa dell'Amazzonia.Dilson Munduruku è invece l'anziano leader del popolo indigeno Munduruku di Braganca. "La foresta è vita e noi siamo tutti umani", dice. E invita tutte le persone del mondo a correggere il loro modo di vivere. Video a cura di Angelo Bonelli

Baby vandali in azione a Trastevere: calci contro la fontanella storica

video Mentre una ragazza in shorts mangia un gelato, nella notte trasteverina i suoi amici distruggono una fontanella storica. A calci, uno dopo l'altro fino a staccarne il “nasone”. È di domenica 8 settembre il video che riprende un gruppo di 8 adolescenti che si accaniscono – per goliardia, per sfida, chissà – contro la fontana, peraltro recentemente restaurata in vicolo del Cedro, angolo via del Mattonato. "Ho sentito dei rumori intorno alle 3:30 del mattino, diversi dal solito baccano a cui purtroppo siamo abituati noi residenti del rione – spiega Giovanni Licheri, che abita poco lontano e ha visto tutto – mi sono affacciato con il telefonino, e appena mi hanno visto i ragazzi se la sono data a gambe, non risparmiandosi minacce nei miei confronti. 'Io a quello lo accoltello', dicevano". L'uomo non è riuscito a riprenderli, ma il giorno seguente ha chiesto a un conoscente, con un bed and breakfast con telecamere di sicurezza che danno sulla stradina, di controllare la registrazione. Ed ecco la mini gang di vandali in azione. Il video è stato fatto visionare al consigliere del I Municipio Stefano Marin che lo ha reso pubblico. Licheri ha poi provveduto a denunciare i ragazzi, per ora ignoti. "È l'ennesima prova di un crescendo di violenza soprattutto da parte dei giovanissimi, che sembrano sempre più allo sbando – ha detto Marin, che ha anche allertato Acea sull'accaduto – che non può che rendere necessaria una maggiore videosorveglianza della città da parte del Comune. Si parla tanto di smart city, è ora di metterla in pratica". A cura di Arianna Di Cori

Puma e il processo di elettrificazione della gamma Ford

video La Puma di nuova generazione. O meglio di nuova concezione, perché nulla è rimasto dalla precedente versione. Si tratta della nuova crossover della Casa dell'Ovale blu che a Francoforte è presente nella variante Eco Boost Hybrid. E l'elettrificazione è il tema generale affrontato al Salone tedesco. Servizio di Ilaria Brugnotti, riprese di Nicolò Roccatagliata; montaggio di Massimiliano Mauri