Il canto polifonico delle donne sui monti del Cilento

video I suoni della natura, il canto polifonico delle donne. In un lungo pomeriggio di magia nel cuore del Cilento, alle pendici del monte Bulgheria, dove ha preso forma "Voce a vento", una performance curata da Katia Anguelova (con musiche di Meike Clarelli) e pensata per inaugurare il percorso “site specific” realizzato dall'artista Claudia Losi a Licusati. L'intervento rientra nell'ambito del progetto dell'associazione Jazzi, volto a recuperare e valorizzare i giacigli temporanei utilizzati dai pastori cilentani durante la transumanza. a cura di Pasquale RaicaldoAssociazione Jazzi

Migranti, Montalbano e l'abbraccio a chi arriva dal mare: il backstage delle nuove puntate

video Il lavoro della Guardia costiera, l'attesa al porto, la fine delle sofferenze per chi ha viaggiato per giorni aspettando di raggiungere una meta. Queste immagini che sembrano arrivare direttamente da una delle vicende d’attualità sono in realtà un backstage per annunciare la fine delle riprese dei due nuovi episodi di 'Il commissario Montalbano', che proprio al tema dei migranti sono dedicati: 'Una storia del '43' e 'L'altro capo del filo', diretti da Alberto Sironi e interpretati da Luca Zingaretti, andranno in onda su RaiUno nel 2019. "Un video che vuole rappresentare - spiega il produttore Carlo Degli Esposti – quello che con Andrea Camilleri pensiamo a proposito della questione dei migranti: un grande abbraccio al mare e a chi arriva dal mare". .

Quintali di arance "imbottite" di droga

video Ben 230 chilogrammi di hashish rinvenuti in un carico di arance proveniente dalla Spagna. La droga era nascosta nei cassoni di agrumi trasportati da un tir al mercato ortofutticolo di Pagani-Nocera nel Salernitano. Controllato anche un altro camion spagnolo, che trasportava limoni, con l'ausilio delle unità cinofile (video di Luigi Pepe)

Migranti, Salvini: "Se Toninelli chiederà a Guardia costiera di non rispondere a Sos avrà mio totale sostegno"

video Il governo ha dato indicazioni alla Guardia costiera italiana di non rispondere agli Sos in mare provenienti dai barconi carichi di migranti? "Questo dovete chiederlo al mio collega Toninelli, con cui sto lavorando d'amore e d'accordo. Se così fosse avrebbe il mio totale sostegno". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini, in conferenza stampa al Viminale al rientro dalla missione in Libia. di Cristina Pantaleoni

Salvini: "Smontare retorica della torture, in Libia centro d'accoglienza e protezione all'avanguardia"

video "Ho chiesto di visitare un centro d’accoglienza e protezione in Libia, dove agisce l’Unhcr, per smontare tutte le menzogne e la retorica in base alla quale in Libia si torturano le persone e devo confermare che si tratta di un centro assolutamente all’avanguardia.” Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini al ritorno dal viaggio lampo in Libia di questa mattina. "La Libia ci ha chiesto di proseguire nel blocco del traffico di esseri umani che vede nelle Ong soggetti, non so se consapevolmente o inconsapevolmente, complici" - continua Salvini - "Bloccare il business dell'immigrazione clandestina significa bloccare un intervento dannoso e pericoloso di stranieri che procedono senza rispettare qualsivoglia regola internazionale".di Cristina Pantaleoni

Napoli, i volti del Mann: turisti come opere d'arte

video Dopo il progetto fotografico dello scorso anno dedicato ai dipendenti, il Mann punta l'obiettivo sui suoi visitatori in occasione della presentazione del report annuale. "Le linee guida sono 'Il senso' e 'I segni del tempo'" spiega Paolo Soriani, curatore del progetto fotografico. Turisti e statue sono stati fotografati utilizzando la particolare luce naturale del Museo, diventando testimonianza del presente "in un luogo dove il passato rivive negli sguardi delle statue, dei personaggi dei mosaici e degli affreschi, in un continuum temporale dato dall’incontro con questo flusso di visitatori attenti, curiosi, pieni di meraviglia" prosegue Soriani. Un dialogo tra opere e persone che annulla differenze e distanze. "Ecco dunque che la bellezza delle statue è anche la bellezza dei volti dei suoi visitatori, nella forza di questi sguardi “nudi”, e per questo di una incredibile intensità. In un’epoca di plastic people, di selfies stereotipati e spesso ritoccati e trasformati in maschere senza espressione la bellezza dei segni del tempo in questi volti li rende classici, unici nel loro essere, qui ed ora. In quattro giorni abbiamo incontrato più di cento persone da tutto il mondo; abbiamo parlato con loro, abbiamo chiesto loro di dirci in due parole le loro sensazioni, e poi li abbiamo ripresi utilizzando la luce naturale ed un punto di vista diretto, senza pose particolari. Il risultato è questo reportage dove i volti compongono un affresco di una umanità bella nel suo esistere nello spazio, finalmente libera dalla schiavitù delle apparenze. Una umanità che per qualche ora, in questo Museo, si fa opera d’arte". a cura di Anna Laura De RosaVideo Museo Mann

Attacco terroristico alla Biennale di Venezia: ma è un'esercitazione

photo

VENEZIA. Un'esercitazione antiterroristica della Questura e dei carabinieri tra i padiglioni dei Giardini di Castello, ha tenuto con il fiato sospeso i residenti impressionati dai rumori di una sparatoria di prima mattina. Si è trattato della simulazione: alcuni "terroristi" hanno sparato sulla "folla" dei visitatori della Biennale (il lunedì i Padiglioni sono chiusi)  armati di fucili automatici e pistole - naturalmente impersonati da figuranti delle forze dell’ordine - per poi nascondersi all’interno di strutture dell’area espositiva. Venendo poi circondati e catturati. Qui l'articolo

Migranti: Ong, quote, Sar, respingimenti - Le parole chiave della crisi

video Dalla zona Sar agli hotspot, dal ruolo delle Ong alla revisione del Regolamento di Dublino: dieci concetti chiave per comprendere le origini e le diverse posizioni della crisi in corso sul tema immigrazione, su cui il nuovo ministro dell'Interno e vicepremier del governo gialloverde Matteo Salvini si è battuto sin dall'inizio del suo mandato. di Antonio Scali e Amalia Matteucci, montaggio Valeria d’Angelo

Migranti, portavoce Lifeline: "Onde sempre più alte, speriamo di farli sbarcare a Malta"

video "Ci stiamo dirigendo verso sud, le onde stanno diventando sempe più alte. E per alleviare il mal di mare dei passeggeri seguiamo il moto ondonso. Appena il meteo migliorerà torneremo verso nord. Speriamo di far sbarcare i migranti forse a Malta per poi farli salire su un bus per l'aeroporto e mandarli nel paese che le accoglierà". Parla così il portavoce dell’Ong tedesca Lifeline, Axel Steier. A bordo, tra i 219 migranti, ci sono anche 44 donne e 4 bambini piccoli, due dei quali sotto i due anni, e 77 minori non accompagnati. Intervista di Lorenzo Ranchi, Radio Capital