Perù, bus precipita in un burrone: almeno 48 vittime

video Un autobus interprovinciale è precipitato in un burrone nei pressi di Huaral, città costiera a circa 80 chilometri da Lima, in Perù, provocando almeno 48 vittime. Secondo i media locali, l'autista sarebbe arrivato a una velocità troppo elevata a quella che è nota come la 'Curva del Diavolo', non riuscendo a controllare il mezzo che, sbandando, è uscito di strada. Nella clip, la carcassa dell'autobus dopo lo schianto e i soccorsi ai feriti

Esordio dei biosacchetti per la frutta, le reazioni nei negozi: "Ora pure questi ci tocca pagare"

video Dal primo gennaio 2018 anche i sacchetti usati per imbustare frutta e verdura, carne e pesce, affettati e prodotti di panetteria dovranno essere biodegradabili e pagati come le classiche buste della spesa. Le nuove norme sulle shopper, contenute nella legge di conversione del decreto legge Mezzogiorno, prevedono che anche i sacchetti leggeri e ultraleggeri, ovvero con spessore della singola parete inferiore a 15 micron, siano biodegradabili e compostabili. Possono essere distribuiti esclusivamente a pagamento: il costo è a discrezione del commerciante e si aggira tra i 2 e 10 cent. Si punta così a reprimere pratiche illegali quanto dannose per l’ambiente. A soli due giorni dall’entrata in vigore della normativa però, commercianti e consumatori non sembrano aver recepito positivamente il nuovo obbligo. C’è chi si dice stupefatto, chi la considera l’ennesima batosta, chi tra i commercianti, non è d’accordo con l’obbligo e chi ancora cerca di capire come far digerire ai propri clienti questo costo aggiuntivo.Video di Cristina Pantaleoni

Firenze, sacchetti a pagamento al supermercato: così la pensano i consumatori

video Per molti sono "una nuova tassa", per altri "una brutta cosa", per qualcun altro "un costo ragionevole" perché si possono anche riutilizzare a casa. I nuovi sacchetti per il fresco al supermercato, che da norma devono essere biodegradabili e a pagamento, dividono i consumatori. Unicoop Firenze e Conad applicheranno il "minimo imponibile" di un centesimo. Il direttore di un supermercato coop di Firenze spiega ragioni, intenti e prospettive della nuova norma: "La legge da un imprinting al consumo sfrenato di plastica - afferma - e per noi non è un guadagno. Rivendiamo sacchetti a un prezzo inferiore del loro acquisto" . Unicoop da diverso tempo aveva già scelto sacchetti biodegradabili nei suoi supermercati.di Andrea Lattanzi