Caso Siri, Salvini non commenta e cambia argomento: ''C'è da lavorare, servono telecamere negli asili nido''

video Secondo il ministro dell'Interno "non c'è nessuna crisi di governo" e "non c'è tempo di parlare di Cantone, Toninelli e Raggi". E infatti, pur non mancando l'ormai quotidiana stoccata alla sindaca di Roma, Salvini evita anche di parlare dell'inchiesta per corruzione che vede coinvolto il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri: "È tranquillo - si limita a dire - e con lui lo sono anche io". Così, tra una stretta di mano e qualche battuta con Eduardo Bolsonaro, figlio del presidente brasiliano Jair, Salvini sgombera il campo anche dall'ipotesi di dimissioni auspicate da Di Maio. Eppure, quando qualcuno gli chiede un commento alle tante proteste dei delusi dal reddito di cittadinanza. Salvini scarica la palla proprio al vicepremier pentastellato: "Sono sicuro che l'amico Luigi saprà rispondere, visto che è sua materia". La via d'uscita? "Entro venti giorni ci sono da accendere telecamere negli asili e nelle case di riposo" di Andrea Lattanzi