Scuola, la storia del bimbo migrante annegato con la pagella diventa una canzone

video La tragica storia del bambino migrante, annegato con la pagella cucita nella tasca, diventa una canzone che tutti gli alunni della scuola media dell'Istituto Comprensivo Marco Polo di Calvizzano, in provincia di Napoli, hanno cantato in occasione della "Giornata della Memoria". "La celebrazione del ricordo delle vittime di ogni persecuzione ha senso se diventa memoria attiva di questi tempi difficili - dice la dirigente Armida Scarpa - la scuola, infatti,non può che essere ambasciatrice di umanità e accoglienza, antidoto a quel ‘virus micidiale che alberga nei bassifondi della società’ evidenziato nel suo discorso dal presidente Mattarella". Con questo spirito, e sull’onda dell’emozione suscitata dalla toccante poesia del filosofo Aldo Masullo, è nata la canzone "Il bambino con la pagella", scritta e musicata da una dei docenti della scuola, Ida Tramontano. Video: Istituto Comprensivo Marco Polo di Calvizzano

Napoli, nuova scoperta archeologica al largo della Gaiola

video Risale molto probabilmente al Settecento il carico sommerso di anfore e vasellame di terracotta rinvenuto al largo di Posillipo. Il ritrovamento è stato effettuato da alcuni pescatori locali, che subito hanno allertato il personale del centro studi Gaiola e della soprintendenza archeologica. Il relitto, già depredato in passato, potrebbe appartenere a una barca partita da Napoli e diretta a Pozzuoli, che trasportava prodotti lavorati da un'officina vasaia. di Paolo De Luca,video: soprintendenza archeologica di Napoli Leggi l'articolo

Reddito di cittadinanza, Di Maio: "Ecco la card n°1, è come il decino di zio Paperone"

video "Questa è la prima di circa 3 milioni di carte. Quella che vedete è la numero 1". Così il vicepremier Luigi Di Maio ha presentato la card per il reddito di cittadinanza. "E’ come il primo decino di zio Paperone". Il vicepremier ha anche presentato il sito internet dove si potrà, dal 6 marzo, inoltrare la domanda. Ad assistere alla presentazione il premier Giuseppe Conte, il ministro Bonafede e la sottosegretaria Castelli video di Cristina Pantaleoni

Reddito di cittadinanza, Di Maio: "Ecco la card n°1, è come il decino di zio Paperone"

video "Questa è la prima di circa 3 milioni di carte. Quella che vedete è la numero 1". Così il vicepremier Luigi Di Maio ha presentato la card per il reddito di cittadinanza. "E’ come il primo decino di zio Paperone". Il vicepremier ha anche presentato il sito internet dove si potrà, dal 6 marzo, inoltrare la domanda. Ad assistere alla presentazione il premier Giuseppe Conte, il ministro Bonafede e la sottosegretaria Castelli. Video di Cristina Pantaleoni

De Laurentiis: "Hamsik vuole andare in Cina? Aspettiamo l'evolversi della trattativa"

video Aurelio De Laurentiis ha parlato della questione Hamsik all'Hotel Vesuvio, durante la presentazione del ritiro a Dimaro-Folgarida, in programma dal 6 al 26 luglio: "In passato ho detto no alle richieste di Milan, Inter e anche della Juventus perché è sempre piaciuto ad Allegri. In estate mi aveva già detto di voler andar via, solo che il mercato cinese si movimenta tra gennaio e febbraio. Vediamo come va la trattativa: come si dice pagare moneta, vedere cammello". Pasquale Tina

Il cane Balù è il primo fan di Gessica Notaro: ulula solo con le sue canzoni

video Ignora un celebre brano italiano ("La voce del silenzio"), non si scompone sulla melodia di "Perfect" di Ed Sheeran, ma quando la sua padrona intona una sua canzone, in spagnolo, ecco che Balù si scatena negli ululati: è proprio il suo cagnolino il primo fan di Gessica Notaro, la giovane donna riminese aggredita con l'acido due anni fa, e che anche grazie alla sua passione per la musica non ha mai perso la voglia di combattere video Instagram/Gessica Notaro

Scatta venerdì la rivoluzione del traffico alla Foce

video Dirottare i flussi di traffico che dal ponente genovese si muovono verso i quartieri del levante dalla direttrice classica, via Cadorna - corso Buenos Aires, a quella alternativa cheda via Diaz passa per via Carlo Barabino. ? questo, in pratica, il nodo principale della “rivoluzione” del traffico che i genovesi si troveranno ad affrontare da venerdì mattina per permettere lo spostamento del cantiere per i lavori dello scolmatore del torrente Bisagno. Per fare spazio alla nuova tranche di lavori, della durata di circa 100 giorni, sarà quindi necessario portare corso Buenos Aires dalle attuali 4 corsie, tre delle quali verso levante, di cui una destinata ai bus, a due sole carreggiate, una per direzione di marcia. “Mentre nella direzione ponente la situazione resterà immutata, da venerdì le tre corsie verso levante di Corso Buenos Aires non ci saranno più - spiega il Vice Sindaco, Stefano Balleari, che ha la delega alla mobilità - ma ci sarà unacorsia sola, mista tra mezzi pubblici e privati”. Da qui la necessità, per evitare ingorghi, di spostare il traffico con una viabilità alternativa. “Abbiamo già provveduto ad aprire alle auto che provengono dalla Questura l’accesso a via Barabino che noi consigliamo come la strada più velocemente percorribile per chi deve andare in direzione levante (videoservizio di Fabrizio Cerignale)