Loredana Bertè al Pride Village di Padova

video Il Pride Village di Padova apre la stagione in Fiera con Loredana Bertè, che è salita sul palco per cantare "Cosa ti aspetti da me", il brano del festival di Sanremo di quest'anno. Poi la cantante ha cantato e "Tequila e San Miguel", brano scritto per lei da Calcutta, Tommaso Paradiso e Takagi & Ketra. Prima di lasciare il palco, Loredana ci ha tenuto fortemente ad esprimersi a favore dei diritti delle persone LGBT. (video Laura Berlinghieri)

Napoli, Tato Russo visita la mostra a lui dedicata a Castel dell'Ovo

video Tato Russo, il conformismo delle istituzioni che vogliono l'artista "catalogato" e gli incubi per il libro di Reich "Analisi del carattere". L'attore e regista visita la mostra a lui dedicata al Castel dell'Ovo "Le stanze del castello - Gli anni del coraggio", a cura di Giulio Baffi, Marialuisa Firpo e Gabriella Grizzuti. L'esposizione che raccoglie la "macchina dei sogni" dell'arstista napoletano, protagonista delle scene dell'ultimo mezzo secolo e fondatore del nuovo Teatro Bellini, è visitabile gratuitamente fino al 28 luglio. Di Ilaria Urbani

Firenze, Panconesi "I social non devono sostituire rapporto umano, apriremo nuovo spazio per incontrarsi"

video Andrea Panconesi, ceo di LuisaViaRoma ha organizzato una sfilata-evento al Piazzale Michelangelo, a Firenze, per festeggiare i 90 anni dalla creazione della storica boutique fiorentina. L'azienda di famiglia è cresciuta molto grazie all'e-commerce. Proprio dal Piazzale parlando della rete ha detto: "Internet è un grande regalo che ci è piovuto dal cielo, ma i social non potranno mai sostituire quello che è il rapporto umano. L'anno prossimo apriremo un nuovo spazio per le persone che avranno voglia di incontrarsi al di fuori dei social network, un punto di incontro che oggi manca". Video di Giulio Schoen

Ornella Muti condannata per tentata truffa: ecco il video della cena di gala con Putin

video Le immagini della serata di gala in Russia a cui partecipò Ornella Muti nel dicembre 2010. L’attrice è stata condannata a sei mesi di reclusione e 500 euro di multa per tentata truffa aggravata e falso proprio perché, per partecipare a questo evento, si era data malata e aveva cancellato uno spettacolo (in programma al Teatro Verdi di Pordenone). L’attrice diede forfait presentando un certificato medico per laringo-tracheite acuta con febbre, tosse e raucedine, con la prescrizione di cinque giorni di riposo e divieto di far uso della voce. Nel video (dal dodicesimo secondo) l’attrice in piedi assiste all’esibizione del presidente russo. Tra gli ospiti anche Kevin Costner, Monica Bellucci e Gerard Depardieu. L'ARTICOLO - Ornella Muti condannata per tentata truffa  video premier.gov.ru

Caos Procure, Zingaretti: "Autosospensione Lotti non è fuga ma gesto di responsabilità. Ora riforma Csm"

video "Dentro il Pd l'autosospensione non è una scelta di resa o di fuga, ma il diritto a potersi difendere senza che questo coinvolga il partito. È un risultato che abbiamo raggiunto", ha affermato il segretario del Pd Nicola Zingaretti alla presentazione del libro 'Piazza Grande' nel centro commerciale 'I granai' di Roma. Zingaretti ha parlato dellla scelta di Luca Lotti, ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, di autosospendersi dal partito in seguito al caso procure-Csm. Video Camilla Romana Bruno

Minibot, Salvini risponde a Tria: ''È nel contratto. Se ha idea più brillante la sottoponga''

video "Parleremo con Tria dei minibot al suo rientro in Italia, gli chiederemo se ha idee più brillanti per pagare i debiti della Pa". Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, al termine del Consiglio Federale della Lega a Milano, ha commentato le parole del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che ha stroncato i minibot definendoli "un’idea sbagliata". "Da ministro non devo dire se una cosa mi piace o non mi piace, se me la chiede il parlamento la faccio". Di Edoardo Bianchi

Sudan, le immagini della violenza sfuggono alla censura di Internet

video La giunta militare che ha preso il potere a Khartoum ha deciso di usare il pugno di ferro con le organizzazioni di civili che chiedono un governo senza stellette. Dopo la repressione a forza di bastonate e fucilate, con lo sgombero del sit-in e almeno un centinaio di vittime, i militari hanno bloccato internet per impedire agli attivisti di denunciare gli abusi. Ma ogni tanto qualche rivolo di comunicazione si apre: siamo riusciti ad avere qualche immagine girata nei momenti più violenti, con il rumore degli spari, le urla e la fuga dei civili, i feriti e i caduti. Nel primo spezzone video, si sentono gli spari, e la voce di uno degli attivisti che grida: "C'è uno che è stato colpito! Lo hanno ucciso! Sentite tutti! Sparano sulla gente! Ci stanno ammazzando! Ci stanno ammazzando!" In un altro dei video, c'è una scena quasi buffa se non fosse allo stesso tempo tragica. Un soldato con il bastone in mano dice a una signora di passaggio: "Civile o militare?", facendo riferimento alla parola d’ordine degli attivisti, che chiedono appunto un governo civile. La signora intimorita risponde: "Militare!". E il soldato, evidentemente gratificato, replica: "Dio è grande!". Di Giampaolo Cadalanu