Fiumicino, la guerra contro le svastiche: dopo i sonetti arrivano i dipinti famosi

video Un nuovo capitolo si aggiunge al botta e risposta per le strade di Fiumicino. Prima i sonetti dei poeti ed ora i dipinti dei pittori per coprire le scritte di Forza Nuova e i simboli di matrice neofascista che tappezzavano il centro del comune laziale. "Il Quarto Stato" di Pellizza da Volpedo, la "Primavera" di Botticelli, la "Crocifissione di San Pietro" di Caravaggio, la "Creazione di Adamo" l'affresco di Michelangelo nella Cappella Sistina, ma anche opere di Magritte, Van Gogh, Modigliani, Dalì, Klimt ed altri ancora. Leggi I capolavori contro le svastiche

Governo, Conte: "Serve chiarezza per andare avanti. Progetto di flat tax non è sul mio tavolo"

video "Questo è il governo del cambiamento: ho sempre rivendicato un cambiamento nel senso della chiarezza di intenti rispetto ai programmi, che proceda in modo lungimirante e senza strappi. Dobbiamo afferrare queste premesse e queste condizioni per poter proseguire". E' quanto ha detto il premier Giuseppe Conte, a margine di un evento in Campidoglio. Il presidente del Consiglio non è entrato nei continui battibecchi tra Lega e Cinque Stelle, ma ha tenuto a precisare che "i decreti governativi vanno discussi nella sede preposta che è Palazzo Chigi, non altrove". E sulla flat tax in deficit, come vorrebbe Salvini, Conte ha tagliato corto: "Un progetto di flat tax non è ancora arrivato a Palazzo Chigi". Video di Camilla Romana Bruno

E. League, il misterioso dialogo Lichtsteiner-Sarri: tutti ipotizzano che parlino di Juve

video Al termine della finale di Europa League tra Chelsea e Arsenal, terminata 4-1, le telecamere hanno ripreso questo siparietto tra Maurizio Sarri, allenatore dei Blues accostato in queste ore alla Juventus, e Stephan Lichtsteiner, ex difensore bianconero ora all'Arsenal. Lo svizzero si è avvicinato all'ex allenatore del Napoli e gli ha sussurrato qualcosa, accompagnando la frase con un gesto che alcuni hanno associato all'elargire denaro. Sarri ha sorriso e, dal labiale, sembra aver risposto: "Non so, spero". Su Twitter i tifosi hanno ipotizzato che il gesto di Lichtsteiner si riferisse al possibile ingaggio di Sarri da parte della Juventus, che ha da poco scelto di separarsi da Massimiliano Allegri.Video: Bt Sport

Germania, scattano foto dell'incidente stradale: il poliziotto li mette in riga in maniera esemplare

video E' diventato virale in Germania - e in breve tempo anche oltre i confini tedeschi - questo video realizzato qualche giorno fa sull'autostrada A6 tra Roth e Norimberga in occasione di un grave incidente in cui ha perso la vita un uomo. Il poliziotto della Stradale Stefan Pfeiffer ha notato che alcune persone in coda, oltre a rallentare il traffico per "curiosare" morbosamente come spesso purtroppo accade, stavano anche scattando delle foto con lo smartphone. L'agente ha fatto scendere immediatamente gli autisti dai veicoli portandoli nei pressi del luogo in cui si trovava il corpo senza vita dell'uomo, invitandoli provocatoriamente a scattare le foto da lì. Intervistato, l'agente Pfeiffer ha poi spiegato il suo comportamento: "Queste persone devono essere messe di fronte alla propria inciviltà. Non basta far loro una multa, per quanto salata. L'effetto purtroppo non sarebbe lo stesso. Queste persone devono vergognarsi. E probabilmente non lo faranno mai più." Video: Facebook - Charivari 98.6 / News 5

Vietati derivati Cannabis, il delivery milanese: "Bloccati, se confermano stop dovremo trasferirci in Uk"

video La sentenza delle sezioni riunite della Cassazione che avrebbe vietato la vendita di olio, resina, inflorescenze e foglie di cannabis sativa "non fa nessun tipo di chiarezza" ma "ci ha costretto a bloccare tutte le nostre attività, anche pubblicitarie e a mettere in stand-by i nostri collaboratori". A dirlo è Matteo Moretti, fondatore di Just Mary, un'azienda milanese che si occupa di recapito a domicilio di prodotti a base di canapa sulla scia del food-delivery. "Tutto quello che i negozi e noi vendiamo - spiega - è sotto la soglia dello 0,5% di thc, definita come limite per l'effetto drogante". E proprio su questo aspetto della sentenza i produttori e gli esercenti daranno battaglia. "Intanto, però - continua Moretti - su consiglio dei nostri legali abbiamo bloccato anche le inserzioni pubblicitarie. Avevamo in ballo una quotazione in borsa a Parigi, adesso dobbiamo ponderare le nostre decisioni". Di Andrea Lattanzi

Il Veneto in drogheria tra '800 e '900: la storia di una terra attraverso la busta della spesa

video Dal thè agli insetticidi, dal vino alle spezie: nelle vecchie drogherie si poteva trovare davvero di tutto. In Veneto poi cambiavano nome a seconda della complementarietà merceologica che caratterizzava il negozio. Diventavano 'casoin' se vendevano anche salumi e formaggi, 'biavarol' se avevano anche cereali, legumi secchi e cibi in scatola, e 'offelliere' se producevano anche dolci. Fino al 16 giugno, nell'archivio storico di Villa Estense, in provincia di Padova, sarà possibile visitare la mostra "Il Veneto in drogheria tra '800 e '900', realizzata grazie alla collezione privata di Massimo Orlandini. Un tuffo nel passato per ripercorrere la storia di una popolazione e di un territorio attraverso i prodotti che compravano (a cura di Valentina Ruggiu)

Europee, la delusione di Klopp: "Politici al comando fanno leva sulla paura"

video Alla vigilia della finale di Champions contro il Tottenham, Jurgen Klopp ha commentato l'esito del voto europeo nel Regno Unito. Lo ha fatto nel corso di un'intervista a Channel 4. L'allenatore del Liverpool si è detto sorpreso e deluso per il trionfo di Nigel Farage, e ha rimproverato ai politici continuare ai ripetere gli errori del passato. "Il loro scopo sembra essere quello di spaventare le persone sul futuro", afferma Klopp constatando amaramente che - viceversa - le voci fuori dal coro rimangono spesso inascoltate. E a proposito di un suo eventuale futuro in politica l'allenatore assicura: "Mai. Ho troppo buonsenso. Non sopravviverei" Video: Channel 4

La profezia di Cattelan su Conte è sbagliata: apre la busta ma la squadra non è l'Inter

video Inter e non Bayern Monaco. Lo scorso aprile Antonio Conte era stato ospite di "E poi c'è Cattelan" e si era prestato a un gioco col conduttore per individuare quella che sarebbe stata la sua prossima destinazione: otto carte nel mazzo, ciascuna per ogni squadra accostata al tecnico salentino e tutte rigorosamente negate alle telecamere. Dopo un'accurata selezione con la complicità di Conte, Cattelan - tifoso nerazzurro - aveva scelto la soluzione più probabile e l'aveva sigillata in una busta promettendo di svelarla una volta che ci sarebbe stato un annuncio sul futuro del tecnico. Una volta ufficializzato l'arrivo di Conte sulla panchina nerazzurra, il conduttore ha aperto la busta in compagnia dello stesso allenatore e del presidente Zhang: la sua scelta era ricaduta sul Bayern Monaco. "Ti consiglio di continuare a occuparti di quello che fai, non fare i pronostici, il veggente lascialo fare a qualcun altro", il consiglio scherzoso di Conte. E a Zhang che gli chiede se sia pronto per la "Pazza Inter", il nuovo allenatore replica sorridendo: "Basta pazzie".  Video: Twitter/Inter

Zucconi racconta Zucconi: "Sono un uomo fortunato, ma il Signore ha voluto una libbra di carne, mi ha dato la Fallaci"

video Un'autobiografia sentimentale fatta con ricordi, personaggi, oggetti più cari della sua vita. Questo è stato per Vittorio Zucconi "Il lato fresco del cuscino". L'unico dei suoi venti libri letto riga per riga alla moglie Alisa. Nel giugno 2018 Vittorio era in Italia per partecipare a Repubblica delle Idee. In readazione fu felicissimo di presentarlo in maniera informale sulla pagina Facebook di Repubblica. Fu una cascata di racconti: Lettere 22 e cassette Betamax, riviera romagnola e campagne presidenziali, il rapporto con Gianni Agnelli e quello con Oriana Fallaci, il ritorno a Hiroshioma con una bambina ormai molto adulta scampata all'atomica. Storia, giornalismo e privato, lacrime e risate. Intervista di Giulia Santerini