A Roma va in scena Videocittà: una rassegna tra musica arte e tecnologia

video I kolossal del dopoguerra, le scenografie di Cinecittà: dagli anni Cinquanta Roma è sempre al centro dell'industria del cinema mondiale. Nel solco di questa tradizione si colloca Videocittà, una rassegna culturale composta da decine di eventi che dal 19 al 28 ottobre vogliono suggerire un modo innovativo per guardare all'audiovisivo, facendolo dialogare con nuove forme artistiche, creative e tecnologiche. Tra le atttrazioni della rassegna anche il videomapping, con spettacoli di luci e forme che animeranno Piazza della Minerva, il Pantheon e la Basilica di Sant’Agostino Video: Instagram/Videocittà

Omicidio di Roma, fiaccolata per Desirée: "No alla demagogia, qui vent'anni di degrado"

video Si è svolta in silenzio la fiaccolata per la giovane Desireè, ritrovata senza vita in uno stabile in via dei Lucani nel quartiere romano di San Lorenzo. I residenti si sono incontrati davanti al palazzo abbandonato dove è morta Desirée con candele e pensieri in omaggio della ragazza di Cisterna di Latina. Il quartiere è diviso tra chi vede nel fenomeno dell'immigrazione la causa del delitto e chi denuncia il degrado per motivi legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e assenza di controlli. "Sempre più demagogia politica viene fatta su fatti reali complessi - denuncia una residente - Sono vent'anni che ci sono questi problemi e solo ora arrivano gli uomini della provvidenza che non aspettano altro che fare demagogia. Tutto sul cadavere di una ragazzina". Secondo alcune donne, invece, i veri problemi di San Lorenzo sono altri: "Qui manca l'illuminazione, il controllo sullo spaccio che sia italiani che stranieri fanno alla luce del sole. Non è l'immigrato che mi fa paura ma tutto questo contesto di degrado". di Martina Martelloni

Omicidio Desirée, presidente San Lorenzo: "Nostri appelli inscoltati". Raggi: "Servono più forze"

video "Come donna e madre sono scioccata dalla brutalità di questo gesto. Cosa ha fatto il Comune? Con la polizia locale e la presidente del municipio ha bonificato più volte questo territorio, ma la polizia locale da sola non ce la può fare". Così la sindaca Virginia Raggi alla fiaccolata in ricordo di Desirée a San Lorenzo, dove è stato trovato senza vita il corpo della sedicenne drogata e violentata. La presidente del Municipio Francesca Del Bello ricorda invece la sua nota e la richiesta di un tavolo al prefetto di Roma Basiloni e al Comune per affrontare la situazione degradata dell'area. "Il prefetto a quell'allarme doveva dare risposta - dice - E non l'ha fatto". Ma la sindaca non raccoglie e ribadisce: "Serve maggiore presidio da parte di tutti, sono contenta che il ministro Salvini abbia accolto la richiesta di potenziare la presenza delle forze dell'ordine". di Martina Martelloni

Volley, addio a Sara Anzanello. Quando credeva di farcela: "Un miracolo"

video La giocatrice di volley Sara Anzanello è morta a 38 anni: fu campionessa del mondo nel 2002 e, grazie alla donazione di un organo compatibile, aveva superato con un trapianto di fegato una gravissima forma di epatite. Dopo una lunga fase di riabilitazione riuscì con una determinazione commovente anche a tornare in campo. In questo video, pubblicato nel 2017 sulla sua pagina Facebook, raccontava il piacere di essere tornata alla vita e ringraziava l'Aido: "I donatori permettono a diverse persone di vivere. Credo sia il gesto più altruistico sulla faccia della Terra. Io sono donatrice: io dono, non so per chi ma so perché" Video: Facebook

Desirée, il testimone: "Lei stava male, c'erano 7-8 persone"

video "Quella notte ero nel palazzo. Ho visto Desirée stare male. Era per terra e aveva attorno 7-8 persone. Le davano dell'acqua per farla riprendere". A parlare è uno dei frequentatori del palazzo di via dei Lucani, nel quartiere San Lorenzo, a Roma, dove è stato trovato il corpo della ragazza. Il teste racconta anche che quella notte del 19 ottobre, attorno all'una, "qualcuno chiamò i soccorsi". E ancora: "Non voleva tornare a casa perché suo padre la picchiava, aveva paura" video Ansa

Manovra, Savona: "Per Draghi Bce non finanzia i deficit? Onuno si assuma la sua responsabilità"

video Arrivando a palazzo Chigi per il Consiglio dei Ministri, il ministro per gli Affari Europei Paolo Savona risponde al presidente della Bce Mario Draghi, che in conferenza stampa aveva affermato "finanziare i deficit non è nel nostro mandato", circa un possibile sostegno all'Italia da parte della Banca Centrale Europea. Poco prima era stato lo stesso Savona a chiedere al governatore un intervento per calmierare lo spread italiano, anche dopo la fine del programma di acquisti di titoli di stato previsto a fine dicembre. Aggiunge il sottosegretario all'Economia Villarosa: "Non credo che la Bce possa staccare completamente il Quantitative Easing, perché non ha ottenuto tutte le risposte sperate". Villarosa poi non esclude un intervento pubblico per le banche che dovessero entrare in sofferenza nel caso lo spread si mantenesse su alti livelli a lungo: "Siamo pronti a intervenire in diversi modi, non è detto solo con un aiuto pubblico" Video di Marco Billeci e Cristina Pantaleoni

Ecco Pepper, il robot che parla e legge le emozioni

video Si chiama Pepper, è alto circa un metro. Saluta, fa le presentazioni, interagisce con il suo interlocutore di cui è capace anche di leggere le emozioni. E' il robot che Intesa San Paolo Innovation center ha presentato, giovedì 25 ottobre, al convegno "Le sfide dell'innovazione", che si è tenuto nel nuovo Centro della Danieli di Buttrio (intervista di Flavio Nanut, video a cura di Gabriele Franco).

Roma al cinema, Cristina Comencini e Villa Borghese

video Dal suo primo film, "Zoo", 1988, al più recente, “Qualcosa di nuovo”, 2016, c’è un’ambientazione che ricorre con regolarità nel cinema di Cristina Comencini: Villa Borghese. Anche alcune sequenze de “La bestia nel cuore” e di “Bianco e nero” si svolgono nel verde di Villa Borghese, raccontata, di volta in volta, assecondando le esigenze della storia, come un luogo magico, romantico, inquietante. Cristina Comencini confessa di essere legata a Villa Borghese anche per motivi extracinematografici, perché nella cosiddetta casina di Raffaello si sono sposati i suoi genitori; perché lì ha cresciuto e i suoi figli e perché continua a frequentarla nel tempo libero per corse e camminate.  Intervista di Franco Montini - video di Maria Cristina Massaro/Agf