Teresa Bellanova risponde alle polemiche sul titolo di studio: "Ai ragazzi dico di studiare, non è solo un pezzo di carta"

video "Io non sono orgogliosa di non avere un titolo di studio, solo non ho avuto l'opportunità di conseguirne uno, però ho studiato tanto nella vita per colmare questa lacuna" risponde così il neo ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova alle polemiche di avere solo la terza media durante il programma Otto e mezzo condotto da Lilli Gruber in onda su La7. "Ai ragazzi dico di studiare, il titolo di studio non è un pezzo di carta. Non vorrei che passasse il messaggio che non avere il titolo di studio è indifferente, più studiano e più possono". Video: Ottoemezzo La7

Autonomia, Fontana contro Provenzano: "Il ministro parla senza sapere, pronti a scendere in piazza"

video Si terrà il 24 settembre l'incontro tra il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia e il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. Ad annunciarlo lo stesso governatore a margine di un evento della Lega a Milano. Il presidente si è detto "indignato dalle affermazioni del ministro del Sud, che ha parlato senza aver letto e senza sapere come si è sviluppato questo percorso". Ha poi aggiunto che, nel caso non dovesse concretizzarsi il percorso sull'autonomia, si scenderà in piazza per "comunicare alla gente che è stata tutta una presa in giro". Video di Daniele Alberti d'Enno

Centenario marcia su Fiume, cerimonia e proteste

photo

Diverse centinaia di persone hanno presenziato alla cerimonia per il centenario della marcia su Fiume nella zona del monumento che ricorda l'evento, al confine tra Monfalcone e Ronchi dei Legionari. Presenti i sindaci dei due Comuni Cisint e Vecchiet. In contemporanea corteo guidato dall'Anpi in centro a Ronchi contro la cerimonia. Fotoservizio Katia Bonaventura

Una targa dal Comune per celebrare i cento anni della libreria Saba

photo

“Strana bottega d’antiquario, antro oscuro, bottega dei miracoli, studio d’artista. Tanti nomi per un luogo unico. A Mario Cerne, anima della libreria antica e moderna di Umberto Saba nel centenario dell’apertura”. E’ il messaggio, inciso nella targa ufficiale del Comune di Trieste, che il sindaco Roberto Dipiazza e l’assessore alla Cultura Giorno Rossi hanno voluto consegnare personalmente a Mario Cerne oggi (giovedì 12 settembre) nel centesimo anniversario della storica libreria Saba di via San Nicolò 30 a Trieste. La visita è stata anche un’occasione per un momento di riflessione: dopo aver ascoltato le ragioni e preoccupazioni di Cerne, sia il sindaco Dipiazza che l’assessore Rossi hanno confermato l’impegno a ricercare una soluzione in grado di garantire la vita e la valorizzazione della storica libreria. Foto Andrea Lasorte

Il Bologna va a prendere i tifosi disabili per portarli allo stadio

video "Bologna for Community" è il progetto nato dalla collaborazione tra Bologna calcio, PMG Italia–la Mobilità Garantita, e Io Sto Con… il sorriso solidale ONLUS: il club andrà a prendere gratuitamente a casa i suoi tifosi con difficoltà motorie per portarli allo stadio nei giorni delle partite casalinghe. Nel video promozionale, l'autista è il giocatore Andrea Poli. Il servizio sarà inaugurato in occasione di Bologna-Lazio del 6 ottobre, e sarà svolto per tutte le partite di campionato e Coppa Italia.Video di BfcTv

A Trieste la "Casina di luce" del Miela si è riaccesa in memoria di Pagliaro

video La “Casina di luce”, simbolo del teatro Miela e opera di Gianfranco Pagliaro, che l’aveva ideata in nome della sua smisurata passione per il cinema, si è riaccesa la sera dell’11 settembre per ricordarlo nel giorno in cui l’artista avrebbe compiuto 60 anni. Grazie all’impegno dei suoi tanti amici triestini e alla caparbietà della moglie Lella Varesano, che ha ideato e promosso l’iniziativa, nel terrazzo di quella che poi è diventata la Casa del cinema si è tenuta una serata-evento dedicata alle creazioni del visionario artista triestino. Un’esposizione di 15 sue opere inedite, in un allestimento aereo e libero da ogni schema affidato alla giovane architetta Livia Rossi. Al calar del sole la “Casina di luce” si è accesa nel corso di una serata che ha mescolato l’arte alla poesia e alla musica.

In famiglia all'improvviso: una web fiction per raccontare il tumore al polmone

video Tumore al polmone: una diagnosi che stravolge la vita. Non solo per il paziente, ma per tutta la famiglia, che deve imparare a convivere con nuovi ritmi e priorità. Un viaggio lungo e difficile che viene narrato, tappa per tappa, in una nuova web fiction diretta da Christian Marazziti, dal titolo “In famiglia all’improvviso”. 10 puntate che usciranno a cadenza settimanale sul sito www.infamigliaallimprovviso.it, pensate per aiutare pazienti e famigliari ad affrontare il percorso di diagnosi e cura, e per sensibilizzare sulla prevenzione e i fattori di rischio di uno dei principali “big killer” oncologici. L'iniziativa è promossa da Salute Donna onlus, Salute Uomo onlus e WALCE onlus.Credit: Pro Format Comunicazione

Cuscini, batterie, quadri: la classifica degli oggetti più rubati negli hotel

video Saponette, penne e matite, ma anche accappatoi, asciugamani e quadri. Quello che può sparire da una camera d'hotel è stato materia d'indagine per Wellness Haven, sito tedesco specializzato nella valutazione degli alloggi che ha stilato una lista dei 10 oggetti più rubati dai clienti. L'elenco si riferisce al 2018 e per stilarla sono stati incrociati i dati dei 1093 hotel in tutto il mondo. Per contrastare questo fenomeno sono vari i metodi utilizzati dagli addetti ai lavori: dagli oggetti che fisicamente non possono essere portati via (come gli asciugacapelli incassati nei muri), ai chip inseriti tra gli asciugamani per tenere sotto controllo gli stock. A cura di Mario Di Ciommo

Incidente sul lavoro nel Pavese, la cugina dei titolari: "La madre ha cercato di salvarli con una corda"

video "Hanno provato a tirarlo su con la corda ma non sono riuscite a salvarlo". Così racconta la cugina delle vittime, descrivendo il tentativo fatto dalla madre dei titolari dell'azienda di Arena Po, i fratelli Tarfem Singh di 47 anni e Prem Singh di 45, che insieme a una cognata ha cercato di tirare fuori dal pozzo, utilizzando una corda, l'ultimo uomo entrato nel liquame, mentre era ancora vivo.