Strage Texas, clienti nascosti sotto un tavolo e il rumore degli spari

video Nascosti sotto un tavolo all'interno del centro commerciale Cielo Vista di El Paso durante la sparatoria. Questo video è stato pubblicato da una cittadina di El Paso, Sylvia Saucedo, sulla sua pagina Facebook, dove ha scritto: "Un'esperienza orribile. Non sono riuscita a parlare con il 911 perché probabilmente migliaia di altre persone stavano chiamando nello stesso momento. Fortunatamente sono riuscita a tornare a casa con mia madre sana e salva" Facebook/Sylvia Saucedo

Strage in Texas, la corsa disperata fuori dal supermercato

video Su Snapchat è stato caricato questo video da una delle persone in fuga dal supermercato Walmart nel centro commerciale di Cielo Vista a El Paso, in Texas. Tante urla e una corsa disperata per uscire il prima possibile e allontanarsi dal luogo della sparatoria. "Run, run", "corri, corri", grida la donna mentre sta filmando Video: Twitter

Corinaldo, il padre di una ragazza ferita: "Mia figlia non ricorda nulla, forse non vuole farlo"

video "Mia figlia non ricorda niente e forse non vuole ricordare. La responsabilità della strage di Corinaldo è dei gestori della Lanterna Azzurra", è questa l'opinione di Pierpaolo Bella, padre di una ragazza rimasta gravemente ferita la notte tra il 7 e l'8 dicembre scorso, quando morirono 5 ragazzini e una madre di 39 anni. Per quelle vittime sono stati arrestati 6 giovani tra i 19 e i 22 anni, tutti residenti nel Modenese. Sono accusati di omicidio preterintenzionale e lesioni. "I gestori della Lanterna Azzurra - continua Bella - sono responsabili. Non si sa se il locale era accatastato come discoteca, ma se conteneva 700-800 persone, non potevi farne entrare duemila. Tutto è successo perché c’erano tutte quelle persone". Intervista di Ernesto Manfrè / Radio Capital

Salvini in consolle, le cubiste ballano l'inno di Mameli al Papeete

video Matteo Salvini sale in consolle al Papeete beach di Milano Marittima, dove è in corso la festa della Lega Romagna: in costume da bagno, il vicepremier e leader leghista ha raggiunto il deejay. Il ministro dell'Interno, un cocktail in mano, ha posato per foto e selfie: in suo onore dalle casse è partito l'inno di Mameli, cantato dai giovani in spiaggia che ballavano insieme alle cubiste. Dopo qualche minuto Salvini è tornato tra gli amici e i colleghi di partito e di governo, tra cui Lorenzo Fontana, Claudio Durigon e Lucia Borgonzoni, in una zona riservata del bar dello stabilimento balneare. Dal nostro inviato Carmelo Lopapa

Russia, la polizia picchia un ciclista e ferma manifestanti

video A Mosca 1500 persone sono scese in piazza per una nuova protesta contro la decisione della commissione elettorale di escludere dalle prossime elezioni comunali i candidati indipendenti. E sono quasi 600 gli arresti effettuati dalle forze di sicurezza, è la stessa polizia a fornire il dato: "Circa 1500 persone hanno partecipato ad una manifestazione non autorizzata nel centro di Mosca. Circa 600 persone sono state fermate per vari reati". Prima del corteo era stata fermata davanti alla sua abitazione e caricata su una camionetta l'attivista dell'opposizione Ljubov Sobol. video Reuters / courtesy MBK MEDIA

Groenlandia, l'esploratore Robert Peroni: "Vivo con gli Inuit da 39 anni: prima usavamo le slitte, ora le barche"

video "Ghiacci ridotti di due terzi, i pesci scompaiono, gli orsi bianchi ci infestano", è questa la testimonianza di un esploratore che da 39 annivive con gli Inuit. Robert Peroni, ex alpinista, esploratore e scrittore che dal 1980 vive a Tasiilaq, sulla costa orientale della Groenlandia, racconta come è cambiato l'ambiente del fiordo dove vive e lavora."Le conseguenze potrebbero essere veramente gravi per questo luogo e questa popolazione, anche se tende ad adattarsi a tutto perché ha un animo nomade".Intervista di Jean Paul Bellotto

Corinaldo, il comandante dei Carabinieri: "È dura, quella sera ero lì con i genitori che piangevano i propri figli"

video "Erano tutti ragazzi tra i 19 e i 22 anni, tutti disoccupati", così il comandante provinciale dei Carabinieri di Ancona Cristian Carrozza descrive la banda di ragazzi modenesi arrestati perché ritenuti responsabili della strage dell'8 dicembre 2018 in cui morirono 6 persone durante un concerto di Sfera Ebbasta in una discoteca di Corinaldo. "Dal punto di vista umano - ha spiegato il comandante - è per me una situazione molto dura perché c'ero quella sera e ricordo gli occhi di quei papà e quelle mamme che piangevano i loro figli" Video: ANSA