Tifosi alabardati fino all'ultimo

photo

Un estenuante match, supportato dalle grida dei tifosi (anche dai 3.500 pisani), che però per i triestini non ha dato l'esito sperato. Facce tristi, lacrime, il post partita non è stato facile, soprattutto per i giocatori. Quest'anno è andata così, ci si riprova il prossimo. Foto di Massimo Silvano L'articolo

Triestina, dal primo goal ai supplementari, la finale al Rocco la vince il Pisa

photo

Il primo goal del Pisa a inizio partita aveva già segnato le sorti di questa infausta finale di play-off, che ha visto la squadra toscana toccare il cielo con un dito. Sono loro che andranno in B, la Triestina resta in C. Fuori casa i neroazzurri sono riusciti a segnare tre goal, inframezzati solo da un rigore di Granoche e da una mancata zampata sotto porta. Foto di Francesco Bruni e Massimo Silvano L'articolo

Com'è cambiato Nadal: dalla prima all'ultima vittoria al Roland Garros, 17 anni in un minuto

video Battendo Thiem in finale (6-3, 5-7, 6-1, 6-1 in tre ore e un minuto), Rafa Nadal ha conquistato il suo dodicesimo Roland Garros e dunque il suo diciottesimo Slam in carriera. Il suo sponsor, la Nike, gli ha dedicato un emozionante video che ripercorre con uno spettacolare montaggio la sua carriera in un minuto dall'età di 16 anni oggi. Nadal affronta, nello spot, tutti i più grandi nomi del tennis degli ultimi 17 anni.  video Twitter / Nike

Trieste, torna l'artigianato con Barbacan Produce

photo

Barbacan Produce questa domenica ha riproposto l'amata formula assieme a tanti altri eventi: le girandole di Boramata hanno accompagnato il percorso tra le varie piazzette coinvolte nella manifestazione e poi, sotto l’arco di Riccardo, i fortunati hanno anche assistito a una breve presentazione di Bloomsday, evento dedicato a Joyce che avrà luogo nei prossimi giorni. Foto di Massimo Silvano

Mazurka klandestina, a Gorizia si riuniscono anche i triestini

video Un incontro notturno tra anime e corpi che amano danzare, quello che si ripete da qualche anno a giugno sulla linea di confine. Ma mai come stavolta la Mazurka klandestina ha colto nel segno, richiamando a sé decine di persone con un obiettivo: ballare fino all’alba, sui luoghi-simbolo della città e sui suoi spazi di frontiera. Vi hanno partecipato gruppi di Trieste, Pordenone, Udine, Slovenia e Veneto. Video di Pierluigi Bumbaca