Giro d'Italia, ospite a sorpresa alla quarta tappa: Don Matteo taglia il traguardo in sella alla sua bici

video L'attore Terence Hill nei panni di Don Matteo ha tagliato il traguardo della quarta tappa del Giro d'Italia "Orbetello-Frascati". In sella alla sua iconica bicicletta e fra lo stupore del pubblico presente Don Matteo ha percorso il tratto finale del tracciato di gara salutando gli appassionati del Giro. "Mi sto allenando per le salite e le discese di Spoleto - ha raccontato Don Matteo ai cronisti presenti per la diretta dell'evento sportivo - ci vediamo a gennaio!". Terence Hill, per la dodicesima volta, vestirà i panni del parroco più popolare d'Italia, insieme a Nino Frassica, nel ruolo del Maresciallo Cecchini, e a Maria Chiara Giannetta che, per il secondo anno consecutivo, interpreta il capitano dei Carabinieri Anna Olivieri.(video Twitter / Don Matteo Rai)

Napoli, ballo cinese in piazza Garibaldi

video Un gruppo di donne orientali inscena una danza accanto agli ingressi della metropolitana di piazza Garibaldi, a Napoli: movenze ritmate, accompagnate da una musica diffusa all'aperto attraverso uno stereo. Sembra una lezione di ginnastica in piazza. di Alessio Gemma

Palermo, incubo da Hitchcock. Donna barricata in casa per difendersi dai gabbiani

video Dal 7 maggio, Giusi Scimone è prigioniera nel suo attico al quattordicesimo piano di via Pacinotti. I suoi aguzzini sono un gruppo di gabbiani che hanno deciso di fare il nido ai margini del terrazzo. Inutili le chiamate ai vigili del fuoco e alla municipale: non sono previste tecniche capaci di stanare i gabbiani che hanno fatto il nido. Affacciarsi per stendere i panni, innaffiare le piante o fumarsi una sigaretta all'aperto è un'azione vista dagli "occupanti abusivi" come minaccia per la prole. Alla quale rispondono volando addosso a chi si avvicina e puntando al volto. "Se continua così vado via", dice la signora.di Silvio Puccio e Giorgio Ruta

Di Battista difende Fazio: "Programma deve continuare, guadagni il giusto ma no a editti bulgari"

video Tanti i temi affrontati da Alessandro Di Battista, tornato dopo qualche mese di silenzio sulla scena, durante la presentazione del libro "L'arma segreta della Francia in Africa" alla Città dell'Altra Economia di Roma. Tra questi, anche la libertà di stampa e il ruolo dei giornalisti, che, ammonisce, "devono asempre avere la schiena dritta". Non manca di parlare anche della polemica nata tra il vicepremier Salvini e la trasmissione di Fabio Fazio. "Ho sempre detto che Fazio deve continuare a fare la sua trasmissione. La politica non deve mettere bocca. Vorrei che Fazio e Vespa guadagnassero il giusto, senza aggirare il tetto per gli stipendi. Ma gli editti bulgari li fanno gli altri", aggiunge Di Battista che poi però racconta quella volta che opsite di Fazio, il conduttore gli disse di "andarci piano, sai il Paese è felice, è appena finito Sanremo". di Camilla Romana Bruno

Di Battista: "Salvini? Lo vedo nervosetto, cala nei sondaggi e cerca argometi per distrarre"

video Non crede che le elezioni europee potranno rappresentare un problema per il governo giallo-verde l'ex deputato e attivista M5S Alessandro Di Battista, a margine della presentazione di un libro alla Città dell'Altra Economia di Roma. "Mi auguro che questo governo possa durare altri 4 anni. Certo tra noi e la Lega ci sono sempre state tante differenze, ma questa è stata una scelta obbligata perché dall'altra parte c'era o il Pd o Forza Italia", risponde Di Battista ai cronisti che chiedono come questo governo potrà andare avanti visto le continue liti a distanza. E se Salvini tornasse da Berlusconi? "Auguri, chi è causa del suo mal pianga se stesso", risponde Di Battista. di Camilla Romana Bruno

Game of Thrones, quanti errori nell'ottava stagione

video L’ottava (e ultima) stagione del Trono di Spade non è esente da plateali errori, prontamente colti dai fan della serie cult. Il più recente è stato scovato nel quinto episodio e riguarda la mano destra di Jamie Lannister. Ecco la top 5 delle disattenzioni della produzione della serie A cura di Serena Console

Trenord, il capotreno contro i razzisti: "Controllo i biglietti non i passaporti"

video Marco Crudo, capotreno 36enne che lavora sui treni in Lombardia da 15 anni, ha postato sulla sua pagina Facebook un video di denuncia contro i razzisti che incontra tutti i giorni: una situazione che non può più tollerare. "Ogni volta che mi capita di multare un italiano senza il biglietto, si alzano avvocati difensori dicendo sempre la stessa cosa: ma gli extracomunitari li fate viaggiare gratis", racconta Marco nel suo sfogo. "Sono gli stessi che invece, quando faccio la multa da 50 euro a una persona che non parla italiano e non ha la pelle bianca, si alzano e mi stringono la mano", aggiunge il capotreno. La video denuncia sta facendo il giro sui social e sui siti di informazione, fra pareri degli utenti contrari e a favore. Il video si conclude con un appello: "Basta al razzismo".Video: Facebook / Marco Crudo