Paola Regeni: ''A Cambridge chiedemmo l'impegno di tutti per far emergere la verità''

video "Parlate e rompiamo il silenzio", Paola Deffendi Regeni, madre di Giulio, ha ricordato alcuni passi del suo discorso pronunciato a Cambridge, l'Università per conto di cui Giulio si recò in Egitto, durante il panel "Verità e giustizia per Giulio Regeni (e non solo)", nella sala dei Notari di Perugia, dove si svolge il Festival del giornalismo. In quell'occasione, a giugno del 2016, la famiglia Regeni si recò nella città universitaria e chiese alla tutor del figlio di farsi interrogare dal procuratore, dal momento che c'era stata una rogatoria internazionale. "Volevamo stimolarla ad andarci a parlare. E in quell'occasione avevamo scritto: 'Giulio ci pone nella doverosa condizione di risignificare parole, azioni, posizioni e relazioni e visione. Proprio in questo luogo di ricerca tutti noi dobbiamo avere il coraggio di vincere l'indifferenza morale'".

Stoccolma, re Carlo Gustavo: "Atto spregevole, la Svezia resta sicura"

video "I miei pensieri e quelli della famiglia reale sono per le vittime di questo atto vile, civili inermi che sono stati feriti e uccisi...": queste le parole con le quali re Carlo Gustavo di Svezia ha commentato l'attentato di Stoccolma. "Purtroppo abbiamo vissuto molti atti di violenza in passato, li abbiamo affrontati e lo faremo anche ora. La Svezia è, è stata e continuerà ad essere un paese sicuro e pacifico"

Napoli, sgomberata la baraccopoli più grande d'Italia

video Si stima che nel campo informale per rom e sinti di Napoli Gianturco vivessero circa 1.300 persone (secondo il comune 850). La mattina del 7 aprile le ruspe lo hanno abbattuto. Alcuni abitanti sono stati trasferiti nella baraccopoli istituzionale di via del Riposo, lontana dai servizi e munita di recinzioni di metallo. La testimonianza di Catrinel Motoc di Amnesty International: "Un bambino mi ha detto: 'Guarda, stanno demolendo la mia casa'"  (foto del campo @AmnestyInternational di Claudio Menna. Video a cura di Andrea Scutellà)