Mitsubishi sposa il mondo del surf

video Presentato in anteprima nazionale a Surf Expo 2019, appuntamento immancabile per gli appassionati di onde e adrenalina, che si svolge dal 18 al 21 luglio sulla spiaggia di Santa Severa (Roma), il docu-film “BE PART OF THE ENERGY”, prodotto da Mitsubishi Motors Italia con Kube Libre Industrie Creative e diretto da Luciano Nardi, che racconta i momenti e le emozioni del surfer Alessandro Marcianò nel giorno in cui a Nazaré (Portogallo) cavalcò un onda di ben 18 metri, stabilendo il record italiano. Video: YouTube / Kube Libre

Autonomia Veneto, Zaia: "Questa politica del gambero è una presa in giro"

video "Questa politica del gambero è una presa in giro per noi veneti. Abbiamo fatto un referendum 636 giorni fa e il governo è in piedi da un anno: c'è stato tutto il tempo ma non è stato fatto niente", queste le parole del governatore del Veneto, Luca Zaia, dopo la soppressione dell'articolo 12 del testo Stefani che prevedeva l'assunzione diretta dei docenti nelle scuole su base regionale. "L'autonomia - ha dichiarato a Radio Capital - è la condizione sine qua non per far andare avanti il governo. Senza autonomia il governo cade. È come il reddito di cittadinanza che, tra l'altro, abbiamo fatto passare senza fiatare". "Sono stanco - ha continuato Zaia - di sentire anche il presidente del consiglio Conte dire che l'autonomia intacca l'unità nazionale, che è la secessione dei ricchi e altre boiate del genere. Sono arrivati a dire che è incostituzionale qualcosa previsto dalla Costituzione". Intervista di Yuri Rosati

Autonomia Veneto, Zaia: "Questa politica del gambero è una presa in giro"

video "Questa politica del gambero è una presa in giro per noi veneti. Abbiamo fatto un referendum 636 giorni fa e il governo è in piedi da un anno: c'è stato tutto il tempo ma non è stato fatto niente", queste le parole del governatore del Veneto, Luca Zaia, dopo la soppressione dell'articolo 12 del testo Stefani che prevedeva l'assunzione diretta dei docenti nelle scuole su base regionale. "L'autonomia - ha dichiarato a Radio Capital - è la condizione sine qua non per far andare avanti il governo. Senza autonomia il governo cade. È come il reddito di cittadinanza che, tra l'altro, abbiamo fatto passare senza fiatare". "Sono stanco - ha continuato Zaia - di sentire anche il presidente del consiglio Conte dire che l'autonomia intacca l'unità nazionale, che è la secessione dei ricchi e altre boiate del genere. Sono arrivati a dire che è incostituzionale qualcosa previsto dalla Costituzione". Intervista di Yuri Rosati

Via D'Amelio, desecretazione su Borsellino. Il fratello del giudice: "Troppo poco"

video Fiammetta Borsellino ha parlato di strumentalizzazione commentando la desecretazione di alcuni documenti sul padre Paolo. "Capisco le sue parole. Ho fatto quello che era di mia competenza: la commissione sta desecretando il materiale in suo possesso e continuerà a farlo. Spero che lo facciano anche altre istituzioni", assicura il presidente dell'antimafia, Nicola Morra. "Troppo poco. Sono altri i segreti", è la risposta di Salvatore Borsellino, fratello del giudice assassinato in via D'Amelio 27 anni fa. Di Giorgio Ruta

Procida, matrimonio allo Sprar: Mary Joel e Jean Paul sposi

video Dalla Costa d'Avorio a Procida, con amore. Ola e applausi per il primo matrimonio dello Sprar dell'isola di Arturo. Jean Paul e Mary Joel uniti in matrimonio dal sindaco Dino Ambrosino. La sposa esulta: "Siiiii". Ad applaudirli un pubblico multietnico emozionato composto da residenti, diversi bambini, e volontari. Tra loro il figlioletto degli sposi: Emanuel di due anni e mezzo che poco prima della fatidica formula consegna con tenerezza una cosa al papà. Si tratta del primo matrimonio degli ospiti dello Sprar gestito da Less sull'isola da diciotto mesi. Gli sposi sono due rifugiati ivoriani dei 28 ospitati dal centro di accoglienza procidano Sprar Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. Una storia di speranza e integrazione che sta contribuendo a scrivere il nuovo futuro di Procida. E dell'Italia. Di Ilaria Urbani,video di Less Onlus

Governo, Conte: "Critiche a Toninelli e Trenta? Se qualcuno ha problemi me lo dica. Difendo miei ministri contro tutti"

video "I miei ministri li difendo contro tutti, se qualcuno ha qualcosa da dire, segua un binario istituzionale": ha risposto così il il premier Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, in merito ai dubbi sollevati questa mattina dal vicepremier Matteo Salvini sull'operato di due ministri 5 stelle, Trenta e Toninelli. "Finora, a livello istituzionale, e scusatemi se torno sempre sulla correttezza istituzionale, non mi è stato posto nessun problema in questa direzione", ha continuato il Presidente del Consiglio. "Se qualcuno dei ministri ha qualche problema me lo comunichi, sono comunque aperto al dialogo". Quindi, a fine incontro, un messaggio a chi aveva notato l'assenza proprio di Salvini in cdm: "Ringrazio tutti i ministri per il lavoro svolto, quelli presenti e quelli assenti giustificati". Video di Camilla Romana Bruno

Migranti, Moavero: "Questione divisiva. Siamo determinati a risolvere nodo con la Germania"

video Sulla questione della ridistribuzione dei migranti fra gli Stati "ci sono divisioni. È una questione d'altronde divisiva, scivolosa per l'Europa che rischia di determinare dinamiche antitetiche rispetto a quelle di una collaborazione che l'Ue deve avere. Il ministro Maas e io siamo assolutamente determinati a risolvere la questione insieme". Lo afferma il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, nel corso di una conferenza stampa in occasione della cerimonia di restituzione da parte della Germania del quadro 'Vaso di fiori' a Firenze. All'evento prende parte anche il capo della diplomazia tedesca, Heiko Maas. "Occorrono i tempi per necessari per trovare un punto di incontro- ammette- la riforma del regolamento di Dublino rappresenta uno dei nodi da discutere. Siamo determinati a raggiungere un risultato e sono convinto che ce la faremo". Video di Giulio Schoen

Terni, prende la pistola a un carabiniere e lo ferisce: le immagini dell'aggressione in strada

video Era stato fermato da una pattuglia della polizia per un normale controllo nel centro di Terni quando ha iniziato a dare in escandescenze e ad aggredire gli agenti. Un uomo dominicano di 33 anni, già noto alle forze di polizia, è riuscito a impossessarsi della pistola di ordinanza di un poliziotto e avebbe sparato cinque colpi, ferendo un carabiniere di 50 anni che stava cercando di bloccarlo. La scena, avvenuta alla rotatoria tra via Eugenio Chiesa e via Curio Dentato, è stata ripresa dai cellulari di alcuni degli automobilisti e passanti che transitavano in zona. In un primo momento i poliziotti avevano provato a bloccare l'uomo utilizzando lo spray urticante, poi in loro supporto erano arrivati altri due agenti in borghese della Digos e una pattuglia dei carabinieri. La pistola con cui l'aggressore è riuscito a sparare era proprio di uno dei poliziotti in borghese: era caduta inavvertitamente a terra e il dominicano è riuscita a raggiungerla. Dei cinque colpi che ha sparato due hanno colpito il militare, gli altri sono finiti a diversi metri di distanza, fortunatamente senza ferire altre persone. L'aggressore è ora accusato di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale e verrà condotto nel carcere di Sabbione. Il carabiniere ferito, invece, verrà sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere da un piede una delle due pallottole: la seconda, invece, lo ha ferito di striscio all'altro piede.

Il "Vaso di fiori" rubato durante la guerra torna a Firenze

video Dopo 75 anni è tornato a Firenze il quadro "Vaso di Fiori" di Jan van Huysum, rubato durante l'occupazione tedesca. Il quadro è stato riconsegnato all'Italia durante una cerimonia nella Sala Bianca di Palazzo Pitti alla presenza del ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, il ministro per i Beni culturali Alberto Bonisoli, del ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, il Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri e il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. Video di Giulio Schoen