Grecia, un cimitero di navi sotto il mare: ritrovati i resti di 58 imbarcazioni antiche

video Un team internazionale di archeologi ha scoperto i resti di almeno 58 navi nei fondali intorno alle isole di Furni, nel Mar Egeo. La maggior parte dei reperti risale ai tempi dell'antica Grecia, dell'Impero romano e dell'Impero bizantino. "L'emozione è difficile da descrivere. Sapevamo di trovarci davanti a qualcosa che avrebbe cambiato i libri di storia", ha dichiarato Peter Campbell, archeologo e condirettore del progetto di ricerca a cura di Mario Di Ciommo

Pd, l'aut-aut di Calenda: "Cambiamo registro o faccio altro e meglio remunerato"

video "La mia discriminante sul voto non sarà se mi sta simpatico o antipatico Renzi o Zingaretti perché rischiamo di finirla lì di nuovo. Voterò chi avrà l'idea di allargare un processo di costituzione di un grande movimento progressista". Carlo Calenda, durante la presentazione milanese del suo libro Orizzonti selvaggi, spiega la sua posizione ai candidati al prossimo congresso del Partito Democratico in favore del suo "fronte repubblicano": "Il punto non sarà Zingaretti o Minniti ma ciò che loro pensano che debbano essere i progressisti da qui a vent'anni. Finché non recuperiamo la rappresentanza nel paese noi siamo morti" video di Andrea Lattanzi

Def, Savona: "All'Italia serve New deal come quello di Roosevelt"

video E' quanto ha detto il ministro per gli Affari Europei nel corso della replica alle dichiarazioni di voto alla nota di aggiornamento al Def. "In Italia è necessario ripetere ciò che fece Roosevelt con il New deal e le riforme. Mise insieme la parte industrializzata del Nord degli Usa quella agricola del Sud e riuscì nell'intento - ha detto Savona -. Il mio convincimento è che si stia tentando un poderoso sforzo per una Italia unitaria, in una coincidenza di interessi tra la zona avanzata e la zona arretrata del Paese". di Francesco Giovannetti

Pd, Calenda: "Io alla Leopolda? Non mi imbuco dove non mi invitano"

video "Andare alla Leopolda? Non mi imbuco dove non mi invitano". L'ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, a Milano per la presentazione del suo libro Orizzonti selvaggi, non risparmia stoccate all'ex segretario Matteo Renzi in vista del congresso di gennaio. "Non si può continuare con la politica motivazionale per cui siamo un grande paese - ha detto ai cronisti - perché questa è una storia finita". Smentendo qualsiasi ipotesi di una sua candidatura, Calenda si è limitato a dire che "fra i candidati in ballo non voterò Boccia". Centrale, alle prossime europee, rimane il "fronte repubblicano" che vada oltre "le sigle di partito e che abbia come leader Paolo Gentiloni"di Andrea Lattanzi

Firenze, carabiniere condannato a 4 anni e 8 mesi per stupro, il legale: ''Sentenza severa''

video È stato condannato a 4 anni e 8 mesi con rito abbreviato l'ex carabiniere Marco Camuffo, accusato di stupro da due studentesse americane insieme al collega Pietro Costa, che verrà giudicato nel 2019. ''Faremo ricorso in appello'', ha dichiarato Filippo Viggiano, difensore di Camuffo. "Non ho ancora sentito le ragazze ma credo saranno felici della sentenza", ha commentato Francesca D'Alessandro, avvocata di una delle due americane che seguono il processo dagli Usa video di Giulio Schoen

Sfida di calcio solidale a Rebibbia. Don Ciotti: "Sulle carceri politica rischia di fare passi indietro"

video Per il secondo anno consecutivo sul campo di calcio di Rebibbia si è disputata una simbolica tra la squadra dei detenuti, la compagine di Atletico Diritti e la Nazionale giornalisti e operatori Rai. A dare il calcio d'inizio è stato il fondatore di Libera don Luigi Ciotti insieme a don Tonio dell’Olio, don Sandro Spriano e don Armando Zappolini. "Chi sono le persone che vivono nelle carceri? Il sistema e la società hanno gravissime responsabilità", ha detto don Ciotti, affrontando poi il caso della madre che ha ucciso i suoi due bimbi che vivevano con lei nella sezione nido del carcere romano: "Qui una direttrice della sezione femminile è stata sospesa su decisione di una voce forte e queste modalità di inquietano", ha sottolineato.di Martina Martelloni

Def, gli attacchi delle opposizioni: "Con questa manovra si esce dal tunnel del Brennero"

video Dalla foga di Renato Brunetta, ai toni compassati di Pier Carlo Padoan, passando per la rassegnazione di Bruno Tabacci e l'ironia di Guido Crosetto. In occasione della votazione della Nota di aggiornamento al Def alla Camera, le opposizioni hanno fatto sentire la propria voce in aula. "Se voi uccidete le autorità indipendenti, i pesi e i contrappesi, questa è una deriva autoritaria", ha tuonato Brunetta. "La preoccupazione sta aumentando - ha detto Padoan -, perché sui giornali si parla di 'oro alla Patria'? Cosa si ha in mente?". "Nel Def speravamo di vedere l'uscita dal tunnel. Abbiamo però capito che il tunnel indicato era quello del Brennero", ha concluso Crosetto ironizzando sull'ormai celebre gaffe del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli.video di Francesco Giovannetti