Sfida il mare in tempesta per salvare un delfino: l'impresa del sub in Sardegna

video Ha sfidato per un'ora il mare in burrasca nella spiaggia Longa, all'Isola Rossa, per salvare una stenella finita sull'arenile. Roberto Ugnutu, sub di 40 anni, non ha avuto esitazioni e, affrontando le onde e correndo lui stesso seri rischi, è andato in soccorso dell'animale che, stremato, non riusciva a riprendere il largo. Ugnutu, alla fine, è riuscito a indirizzare l'animale verso il porticciolo, dove ha trovato riparo per recuperare le forze(a cura di Federico Spano)video La Nuova Sardegna/Danila Berardi

L'orchestra sinfonica ucraina in concerto a Potenza

video Il concerto sensoriale dell’orchestra sinfonica Ucraina nell’atrio del Palazzo degli uffici di Potenza e la lettura di alcuni testi nei reparti di senologia e cardiologia. È così che l’associazione potentina "Letti di sera" ha voluto regalare momenti speciali fuori dalla routine ospedaliera ai pazienti della struttura sanitaria San Carlo che non sono potuti tornare a casa in occasione delle festività natalizie. Per tre giorni la “parola”, letta o cantata, è stata al centro dell’evento “Festa della parola” che rientra nel più ampio cartellone di “Potenza magia di eventi – Natale in città 2017”, promosso dall’amministrazione comunale e ha interessato anche altri luoghi del centro storico. Per l’occasione è stato sottoscritto un protocollo tra l’associazione e l’ospedale per realizzare iniziative culturali sperimentali “finalizzate alla promozione della lettura – hanno spiegato gli organizzatori – all’animazione culturale e alla sensibilizzazione delle nuove forme di comunicazione” nell'ospedale(testo Anna Martino, video Anna Paolisso)

Offese razziste dalla vicina: risarcito

video Jean Jeacques, un giovane della provincia di Livorno con padre italiano e mamma francese (di origini caraibiche), racconta la sua personale battaglia vinta contro il razzismo: lo avevano offeso molte altre volte e aveva sempre lasciato perdere. In quel caso però poteva essere il figlio di quella donna e considerò anche per questo l'offesa "sei un negro di m..." gratuita e intollerabile. La denunciò e il giudice di pace gli ha riconosciuto un risarcimento di oltre 2.100 euro. Nei giorni scorsi gli sono stati liquidati i soldi: lui non ha dubbi li darà in beneficenza. "Per mia figlia vorrei un mondo diverso", ha commentato e la denuncia l'ho presentata principalmente per lei e il suo futuro (video Alessandro Bientinesi) - L'ARTICOLO