Etruria, Ghizzoni: "La mia email era pubblica". E Casini: "Ora anche la mamma di Capezzone potrà contattarla"

video Scambio di battute in commissione d'inchiesta sulle banche durante l'audizione dell'ex ad di Unicredit, Federico Ghizzoni, che ha rivelato i contatti riguardo a Banca Etruria con l'ex ministra Boschi e con Marco Carrai, imprenditore vicino a Renzi e alla stessa Maria Elena Boschi. Ipotizzando una corsia preferenziale per il cosiddetto "giglio magico", il deputato Daniele Capezzone chiede a Ghizzoni: "La possibilità di scriverle come ha fatto Carrai, sarebbe stata accessibile per la mia mamma?". L'ex ad ribatte: "Certamente no, anche se in verità la mia mail era pubblica, federico.ghizzoni@unicredit.it". Chiosa Casini: "Bene, così da oggi anche la mamma di Capezzone potrà contattarla" video di Marco Billeci

Etruria, ex ad di Unicredit Ghizzoni: "Carrai mi scrisse che lo sollecitavano per avere una risposta"

video "Il 13 di gennaio 2015 mi arrivò una mail da Marco Carrai dove riferiva che gli era stato chiesto di sollecitarmi per una risposta sull'acquisizione di Banca Etruria, nel rispetto dei ruoli". Così l'ex amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni riferisce alla commissione d'inchiesta sulle banche della comunicazione ricevuta dall'imprenditore vicinissimo a Renzi. Prosegue Ghizzoni: "Pensai chi potesse aver richiesto questo sollecito a Carrai. Esclusi Banca Etruria con cui avevamo già un canale aperto, comunque decisi di non richiedere chiarimenti perché non volevo aprire altri canali di dialogo e replicai che una volta finite le nostre valutazioni avremmo contattato i vertici di Etruria per la risposta"di Marco Billeci