Caso Guerrina, padre Graziano condannato in appello a 25 anni: "Giustizia basata sul razzismo"

video La pena al frate condannato per l'omicidio e dell'occultamento del corpo di Guerrina Piscaglia avvenuto nel 2014 è stata ridotta di due anni rispetto al primo grado. Ma padre Graziano Alabi non ci sta e accusa la corte d'Appello di Firenze: "Non posso fare generalizzazioni ma quando accadono certe cose è una vergogna: questa giustizia è basata sul razzismo". Secondo padre Graziano la corte avrebbe "con il suo modo di agire" ostacolato il corretto svolgersi del processo, interrompendo i suoi legali durante il dibattimento. "Ho sempre detto che non c'entro", ha concluso padre Graziano che poi con i suoi legali si è allontanato dal palazzo di Giustizia di Firenze.video di ANDREA LATTANZI

Caso Boschi, Villarosa (M5S): "Ora ministra si dimetta". Orfini (Pd): "Sono ossessionati, si curino"

video "Un ministro che non è quello delle finanze e che solleva delle preoccupazioni su Etruria a chi si occupa di banche è molto grave. Boschi lo ha sempre nascosto, ora ci aspettiamo che si dimetta". Così il deputato M5S Alesssio Villarosa al termine dell'audizione di Giuseppe Vegas in commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche. Durante l'audizione il presidente della Consob ha rivelato che l'allora ministra Boschi gli chiese un incontro per parlare della possibile acquisizione da parte di Banca Popolare di Vincenza nei confronti di Banca Etruria, istituto di cui il padre della ministra era un alto dirigente. Dal Pd ribatte Matteo Orfini: "La richiesta di dimissioni si basa sul fatto che Boschi abbia mentito in parlamento, ma Boschi disse di non aver mai agito per favorire parenti o amici e questo é confermato dall'audizione di Vegas". Replica Villarosa: "Le pressioni non sono solo dirette, sono anche indirette come in questo caso". Ancora Orfini: "Un ministro ha il dovere di occuparsi di un'azienda del suo territorio che rischia di fallire, ma Boschi non ha fatto nemmeno quello, si è limitata a esprimere una preoccupazione". di Marco Billeci

Palermo, così nascono le caramelle alla carruba

video Un viaggio all’interno della storica fabbrica delle caramelle alla carruba della famiglia Terranova, a Ballarò dal 1890. Grazie all’intuito del suo capostipite, Antonio, l’estratto di carruba, allora usato per prevenire diverse malattie, venne imprigionato in una caramella. Fu così che nacquero le caramelle alla carruba. “Quando sono nato, anche le donne lavoravano nella fabbrica e la mia culla è stata un sacco di zucchero”, ricorda Antonio Terranova, padre di Giacomo che insieme al fratello Maurizio e al cognato Paolo portano avanti l’azienda di famiglia. La visita alla fabbrica viene organizzata mensilmente dalla Cooperativa Terradamare ed è dedicata non solo ai turisti ma anche alle scolaresche (video di Paola Pottino)

Milano, bagarre in Consiglio per la mozione anti-fascismo

video Momenti di tensione in consiglio Comunale a Milano durante la discussione della mozione con cui la maggioranza vuole impegnare la giunta a non concedere spazi a chi non si professi esplicitamente antifascista. Dalla platea una persona presente tra il pubblico (dove erano presenti esponenti dell'Anpi e della rete antifascisa milanese) ha preso di mira il consigliere comunale Alessandro Morelli con insulti e gesti, provocando la reazione del leghista

Etruria, Vegas: "Da Boschi no pressioni". Orfini: "Commissione acquisisca video Boschi in parlamento"

video "Non mi sembra che ci sia niente da stupirsi se un parlamentare, perlopiù ministro, espone una situazione che riguarda la sua constituency elettorale, tantopiù che non ci sono state pressioni". Così nel corso della sua audizione davanti alla commissione banche, il presidente della Consob Giuseppe Vegas ritorna sull'incontro avuto con l'allora ministra Elena Boschi a proposito della fusione tra Banca Popolare di Vicenza e Banca Etruria, di cui il padre della ministra era dirigente. Vegas ricorda che Consob non aveva competenze sulla materia oggetto del colloquio. Sul punto interviene il deputato Pd Matteo Orfini, che attacca il Movimento 5 Stelle e chiede che la commissione acquisisca il video dell'intervento della Boschi davanti alla Camera nel dicembre del 2015, dove la ministra negò di aver esercitato pressioni su Banca Etruria - elemento confermato dunque da Vegas -, mentre non accennò ad incontri con il presidente Consob o altre autorità".di Marco Billeci

Grenfell Tower, sei mesi dopo il rogo: i reali alla funzione in ricordo delle vittime a Londra

video A sei mesi dall'incendio della Grenfell Tower in cui persero la vita 71 persone (tra cui gli italiani Gloria Trevisan e Marco Gottardi), i parenti di alcune delle vittime, la famiglia reale e la premier Theresa May hanno preso parte alla cerimonia organizzata presso la Cattedrale di Saint Paul. Tra i presenti anche i soccorritori e volti dello spettacolo come la cantante Adele. Originaria di Tottenham, la star si era unita ai volontari il giorno successivo all'incendio per prestare soccorso

Firenze, l'illustratore italiano del New Yorker spiega com'è stato assunto: "Sono andato a New York e ho bussato alla porta"

video Si chiama Simone Massoni, classe 1977, nato a Roma ma trapiantato in Toscana. E' un illustratore italiano apprezzato nel suo settore che lavora per molti clienti internazionali fra i quali New York Times, Facebook, Carhartt, e Nokia. "All'inizio della mia carriera facevo fumetti ma ho trovato tutte le porte chiuse", spiega di fronte alla basilica di Santo Spirito a Firenze dove ha realizzato una performance live nell'ambito del festival F-Light. "Per ottenere le mie collaborazioni ho prima mandato decine di email senza risposte e poi - rivela - sono semplicemente andato a New York a bussare alla porta di magazine e giornali". Ha funzionato? "Sì, incredibilmente, da quel momento è stato tutto molto più fluido".VIDEO DI ANDREA LATTANZI

Elezioni, Grasso: "Rivendico la mia imparzialità politica. Soffiare su rabbia divide il Paese"

video "Non ho intenzione in questa sede di fare alcun cenno al mio futuro. Mi limito a ricordare che, già in occasione della prima cerimonia del Ventaglio nel luglio 2013, rivendicai la possibilità di poter esprimere la mia opinione sui temi del dibattito politico senza che nessuno potesse temere o ipotizzare una parzialità nell'esercizio delle mie funzioni di presidente. Valeva allora, è valso nel corso di questi anni e vale ancora di più ora che la legislatura volge al termine". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso, durante lo scambio di saluti per le festività con la stampa parlamentare a palazzo Giustiniani. “Soffiare sulla paura - ha poi sottolineato Grasso - delegittimare gli avversari e alimentare la rabbia e la sfiducia, sentimenti diffusi e ben delineati nel Rapporto Censis, non può che rendere tutto il nostro Paese, a prescindere da chi raccoglierà il maggior numero dei consensi, piu' fragile e diviso".di Cristina Pantaleoni