Crozza diventa Feltri: "Che me ne importa di Gerusalemme, io vivo a Bergamo"

video Nell’ultima puntata prima della pausa natalizia di Fratelli di Crozza - il programma di Maurizio Crozza in onda il venerdì in prima serata su Nove – Vittorio Feltri commenta la candidatura di Grasso: “Ma è fattuale, hanno preso questo trombone come ennesimo presta-faccia e lo hanno convinto a fare un partito col nome di uno shampoo o ancora peggio col titolo di una canzone di Caparezza…  ”di Nove

Crozza è Berlusconi: "Grillini come i comunisti, ma oltre ai bambini mangiano anche i nonni"

video Silvio Berlusconi, nell’ultima puntata prima della pausa natalizia di Fratelli di Crozza - il programma di Maurizio Crozza in onda il venerdì in prima serata su Nove – si scaglia contro i Grillini: “Sono come i comunisti di 20 anni fa, ma peggio. Perché mentre i comunisti si limitavano a mangiare i bambini, questi qua si mangiano anche i nonni. Sono “NONNIVORI”, mi creda. I Grillini si mangiano tutto: uomini, donne, bambini, nonni, cuginetti, cani, gatti, canarini, divanetti dell’Ikea e ascensori.” Il Cavaliere conclude lanciando un monito agli elettori: “Se vinceranno quei criminali dei Grillini, vi riempiranno di tasse. Prima vi mangiano i parenti, e poi vi divorano i risparmi, perché dovunque hanno governato nel mondo hanno sempre fatto così: Cina, Indocina, Bulgaria, Padova e Piacenza”Nove

Forlì, militante di Forza Nuova con un bastone alla Polizia: "Noi qui per mantenere l'ordine pubblico"

video Ancora un blitz di Forza Nuova. Questa volta al mercatino di Natale di Forlì dove alcuni neofascisti sono arrivati armati di bastoni per 'difendere' altri tre militanti da alcuni 'antifascisti' che stavano contestando la presenza nella piazza di un loro banchetto informativo. Il video ritrae uno degli esponenti di Fn che, bastone alla mano, afferma a un poliziotto di esser dovuti intervenire a causa dell'incapacità delle forze dei sicurezza di mantere l'ordine pubblico

Tragedia di Luzzara, le condizioni della mamma che ucciso i due figli

video Antonella Barbieri, la donna di 39 anni che ha ucciso i figli di 2 e 5 anni a Luzzara e Suzzara, è ricoverata in terapia semi intensiva all’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. «La paziente - fanno sapere dall’Ausl della città emiliana - è vigile e cosciente. È in prognosi riservata e le sue condizioni sono, al momento, stabili. Sono state attivate le consulenze specialistiche del caso».

Curare con i libri, Stassi: "Ecco come superare la nomofobia, la paura di perdere il cellulare"

video Dalla nomofobia al razzismo, lo scrittore Fabio Stassi propone un libro come cura a centinaia di paure e sentimenti. Il manuale dal titolo "Crescere con i libri" è stato presentato a "Più libri, più liberi", la fiera in corso nella "Nuvola" di Fuksas a Roma, durante un incontro condotto dalla giornalista Anna Bandettini. Per curare la paura di perdere il cellulare e il contatto con la rete (nomofobia), lo scrittore consiglia di leggere un libro senza immagini e spiega: "Siamo abituati a scattare centinaia di foto con gli smartphone, ma non dobbiamo pensare che perdere un oggetto significhi perdere la memoria. Dobbiamo ritrovare la fiducia nel ricordo" di Anna Laura De Rosa

Bari, madonnina recuperata in un cassonetto: i netturbini di Bari la venerano dal 1966

video Una devozione speciale nei confronti della Madonna, venerata come ogni anno nel giorno dell'Immacolata dai dipendenti dell'Amiu Puglia. La santa messa in suo onore si è tenuta all'interno della sede dell'azienda, nella zona industriale di Bari, dove è conservata anche una speciale statuetta della Vergine Maria. A ritrovarla a Poggiofranco nel 1966 fu uno degli impiegati dell'azienda: "Era stata lasciata vicino ad un cassonetto - racconta - La portai nella guardiola e la facemmo restaurare". Tornata oggi alla sua bellezza originaria, la statua "è la prova - come ricorda il presidente dell'azienda, Sabino Persichella - che il netturbino è anche un credente. Una persona con delle passioni che lavora per i cittadini" (Natale Cassano)

Ezio Mauro racconta la rivoluzione russa: "Già allora circolavano fake-news di regime"

video A Più libri, più liberi, la fiera letteraria in svolgimento a Roma, Ezio Mauro - intervistato da Francesco Fasiolo - ha presentato "Cronache di una rivoluzione", il documentario dedicato al centenario della rivoluzione russa. "Siamo andati nei luoghi dove tutto è avvenuto per verificare la persistenza della memoria o le sue cancellazioni, per colpa del tempo o del regime - ha spiegato Mauro - Nella storica fotografia dell'arrivo di Lenin in treno a San Pietroburgo c'è dietro un inganno: si vede Stalin ma lui in quel momento non c'era perché era in fuga con i bolscevichi perché perseguitati dal regime zarista. Una fake-news, diremmo oggi"di Francesco Giovannetti