Saluzzo, la Rosarno del nord: 300 migranti accampati in città per la raccolta delle pesche

video Saluzzo, 17 mila abitanti in provincia di Cuneo, in Piemonte, è il secondo polo dell’ortofrutta in Italia, dopo le campagne dell’Emilia-Romagna. Una Rosarno del nord: dove, nel pieno della stagione delle pesche, stanno arrivando migranti da tutta Italia con la speranza di essere assunti come raccoglitori con contratti a chiamata, che però, in tempi di magra, sono sempre meno. Così i giovani, in gran parte con permessi di soggiorno in tasca, rimangono a dormire per settimane in strada, in un accampamento autorganizzato a poche decine di metri dal centro della città. Sono oltre 300: in proporzione, è come si a Milano si accampassero in 25 mila. E il sindaco (Pd) scrive al presidente della Repubblica proponendo una regolamentazione nazionale del lavoro stagionale Servizio di Giulia Destefanis

Di Maio a Ventimiglia: "Chiedo indagine su respingimento migranti minori da parte della Francia'

video 'L’Europa finisce a Ventimiglia, il comportamento della Francia di Macron sul tema dei migranti è inaccettabile’. Il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, nel giorno della festa della Repubblica francese del 14 luglio, visita Ventimiglia e i suoi luoghi simbolo: il campo migranti di Parco Roja e le frontiere di Ponte San Luigi e Ponte San Ludovico, dove la Francia continua i massicci respingimenti dei migranti che tentano di passare il confine. E annuncia la richiesta alle istituzioni europee di aprire un’indagine sul respingimento dei minori, vietato dagli accordi internazionali. ’Se noi dei 5 Stelle andremo al governo, o la Francia ci restituirà i soldi che abbiamo speso a Ventimiglia per l’accoglienza, o ci terremo una parte dei soldi che versiamo all’Europa ogni anno’ servizio di Giulia Destefanis e Andrea Di Blasio

Migranti, Camusso: "Politica li contrappone agli italiani, è vergognoso''

video "Bisognerebbe fare pulizia etica del linguaggio che si adopera. Hanno contrapposto il tema dei migranti con la disoccupazione degli italiani. Si deve raccontare la verità alle persone: non è detto che la permanenza dei migranti sia solo temporanea". Con queste parole, la segretaria generale della CGIL, Susanna Camusso, si è espressa in merito al tema dell'ospitalità ai migranti, durante il confronto sui rapporti tra politica e sindacato organizzato a Milano dalla Filt-Cgil, al quale ha partecipato anche il sindaco, Giuseppe Sala(di Edoardo Bianchi)

Napoli, in mare per 20 ore aggrappati a una zattera: due diportisti salvati da un elicottero della polizia

video Sono rimasti in mare per circa 20 ore aggrappati a pezzi di plastica galleggianti. Due dei tre diportisti dispersi nel golfo govedì sera sono stati ritrovati vivi alle 16.30 su una zattera di fortuna a circa 20 miglia a Sud Ovest di Capri dall'elicottero della polizia che li ha salvati. Il sesto Reparto volo allertato dalla Capitaneria ha avvistato i due naufraghi al largo di Capri. L´equipaggio ha lanciato salvagente e una zattera di salvataggio ai due raggiunti poi da una motovedetta. Al momento risulta ancora disperso Silvio I. di 90 anni proprietario dell´ imbarcazione. Ecco il video girato dagli elicotteristi. I tre - napoletani usciti in mare per una battuta di pesca - dopo avere preso il largo da Nisida con un'imbarcazione di nove metri, non avevano fatto ritorno. Le ricerche sono scattate ieri notte, dopo l'allarme lanciato dai parenti. a cura di a.l. de rosa e p. raicaldo

L'Aquila, minacce a migranti minorenni in casa famiglia: ''Ti taglio la gola''

video ''Ti taglio la gola, ti spacco la faccia. Qui non stai in Egitto''. Sono le parole pronunciate da un operatore della casa famiglia ''L'Isola che non c'è'', a Canistro, nell'Aquilano, destinata ad accogliere migranti minorenni. L'uomo, 27 anni, è stato arrestato insieme a sua madre, 52, anche lei impiegata nella struttura, grazie alle immagini girate dai ragazzi ospiti nel centro e esibite al momento della denuncia alla polizia. All'operatore sono stati sequestrati coltelli, tirapugni, una balestra e tesserini di riconoscimento della polizia. Le testimonianze raccolte dalle forze dell'ordine raccontano violenze che comprendono insulti, minacce, privazione del sonno, diaria negata, docce gelate, punizioni fisiche: un ragazzo è stato costretto a bagnarsi con acqua gelata in piena notte in giardino, un altro è stato picchiato perché si è lamentato del cibo servito. Altri ancora sono stati obbligati a sedersi senza dormire per tutta la notte, dandosi il cambio su una sedia. La casa famiglia è gestita da Alessandra Palermini, moglie di Antonio Di Paolo, ex sindaco di Canistro e figlio dell'attuale primo cittadino