Zagabria, Maradona piange Fidel: ''Era un secondo padre per me"

video "Mi hanno detto che era morto il più grande. Mi hanno chiamato da Buenos Aires ed è stato scioccante. Sono scoppiato in un pianto terribile. Era come un secondo padre", così Diego Armando Maradona sulla notizia della morte di Fidel, in un'intervista alla tv Telam a Zagabria, dove sta tifando l'Argentina nella finale della Coppa Davis di tennis. E continua, con la voce rotta dal pianto: "Ho vissuto più di 4 anni a Cuba e Fidel mi chiamava alle due della mattina per parlare di sport, politica, e di quello che succedeva nel mondo. E questo è il ricordo più bello che mi rimane. Abbiamo sempre parlato della droga e lui mi diceva che sì se ne poteva uscire. E io ne sono uscito. Mi ha sempre aiutato tantissimo". E conferma che intende andare a Cuba il più presto possibile per essere presente ai funerali.

Akkura, il videoclip di "Io, Nico ed Emily"

video E’ uscito il videoclip del brano “Io, Nico ed Emily”, primo estratto da “Cosmotropico” (Malintenti dischi/Edel), il nuovo disco dei palermitani Akkura. «L'onda è uno dei movimenti che ha ispirato il brano ‘Io, Nico ed Emily’ - racconta il musicista Sergio Serradifalco – ed è uno dei primi pezzi che abbiamo scritto per questo album ed intorno al quale abbiamo fatto ruotare tutta la produzione. In questo video, la forza di quel brano, potente come un'onda, è stata racchiusa nella grazia di una giovane donna. Una ragazza capace di dominare la forza travolgente dell'energia cinetica. Come fanno i surfisti. Il surf è una continua scoperta, è più grande persino del volo». “Cosmotropico” è un disco gioioso, una manciata di brani in technicolor per raccontare il “cosmo-tropico” della band palermitana. La scrittura è creativa, melodie cristalline che si intrecciano con influenze “seventies” africane, cenni di tradizione italiana e il Sud America degli anni Sessanta. Il tutto arrangiato con strumenti analogici e sonorità floreali. (vassily sortino)

Edoardo Bennato ricorda la sua Cuba nel giorno della morte del lider maximo

video “Sono stato nei Caraibi per la prima volta a 12 anni, poi a Cuba con Gianni Minà nel 1984 per un concerto per Fidel…” Edoardo Bennato ricorda la sua Cuba nel giorno della morte del lider maximo. Il cantautore flegreo ha dedicato all’isola la canzone “Cuba” inserita nell’album “Le vie del rock sono infinite” del 2010. Questo è il video del brano composto con i filmati girati dallo stesso Bennato a Cuba. “A Cuba ci sono tornato tante volte a suonare - racconta - l'ho conosciuta al di là della retorica e delle speculazioni dei media europei”. Il blues dedicato all’isola contiene anche un omaggio alla storica canzone popolare cubana “Guantanamera”: “Cuba, da sognare sola in mezzo al mare, come una sirena stanca di aspettare, forse abbandonata al suo destino... Cuba da cartolina, sempre in vetrina, allegra signorina, oppure prigioniera. Cuba, qual è quella falsa, qual è quella vera? Cuba immaginata, Cuba rispettata, Cuba disperata, dietro la facciata ti offre il suo amore, prendere o lasciare!…Guantanamera, Guantanamera, Guajira, Guantanamera, Guajira di Guantanamo…” (ilaria urbani)