Charlie Hebdo, vignetta su terremoto scatena le polemiche - la videoscheda

video "Terremoto all'italiana: penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne". Questa la frase comparsa su una vignetta di Charlie Hebdo che mostra persone sporche di sangue e sepolte sotto le macerie. Il disegno ha scatenato polemiche sul web, alle quali la rivista satirica ha risposto con una nuova vignetta postata su Facebook: "Italiani, non siamo noi che costruiamo le vostre case, ma la Mafia". Risultato: l'indignazione è aumentata e anche l'ambasciata di Francia a Roma è intervenuta, prendendo le distanze dal periodico di Claudia Accogli montaggio di Elena Rosiello

Natali, ex direttore fa gli scatoloni e lascia gli Uffizi con un video ironico: "Tutti liberi"

video Uno scatolone in stile Lehman-Brothers e una panchina su cui sedersi e dare da mangiare ai piccioni. Ma in compagnia di Leonardo, Michelangelo, Vasari e Lorenzo il Magnifico. Antonio Natali, ex direttore della Galleria degli Uffizi, ironizza così sul suo pensionamento. Lasciata la direzione del museo fiorentino dove ha lavorato per trentacinque anni in seguito alla riforma Franceschini e al concorso internazionale che ha portato alla nomina, al suo posto, del tedesco Eike Schmidt, Natali è rimasto in servizio fino al 31 agosto. Il video è stato realizzato in collaborazione con Cross Media. Ideazione e regia di Vincenzo Capalbo, Marilena Bertozzi e dello stesso Natali.

Juno ha registrato il 'suono' dell'aurora di Giove

video Oltre a vedere l'aurora di Giove possiamo anche ascoltarla. Le onde radio emesse dall'attività dell'atmosfera gioviana sono state catturate dallo strumento di JUno il Wave. La sorgente si trova al polo nord, dove avviene l'interazione con le particelle del vento solare. Il segnale è stato trasportato in frequenze udibili all'orecchio umano ed è stato 'ascoltato' in un lasso di tempo lungo 13 ore, mentre la sonda era in avvicinamento per il flyby del 27 agosto (a cura di Matteo Marini)

Charlie Hebdo, vignetta sul terremoto in Italia fa infuriare la Rete

video Torna a far discutere il periodico satirico francese Charlie Hebdo che è uscito in edicola con una vignetta sulle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto. L'illustrazione ritrae alcune vittime del terremoto insanguinate e ironizza con una didascalia: "Sisma all'italiana: penne al pomodoro, penne gratinate e lasagne". La vignetta ha scatenato una pioggia di polemica sul web inducendo migliaia di utenti a prendere le distanze da "Charlie" che dopo l'attentato jihadista del 7 gennaio 2015 aveva ricevuto la solidarietà di tutto il mondo come testimoniato dall'hashtag #jesuischarlie (a cura di Damiano Mari)