Causi dopo l'incontro con Gabrielli: "Definite le regole d'ingaggio per il lavoro sul Giubileo"

video E' durato mezz'ora il primo incontro tra il Campidoglio, rappresentato dal vicesindaco Marco Causi, e il prefetto Franco Gabrielli. "Abbiamo definito le regole d'ingaggio per il lavoro comune sul Giubileo - ha detto il numero 2 di Roma Capitale -. Domani mattina si insedia la segreteria tecnica di coordinamento tra le istituzioni e garantiamo la massima trasparenza sui fondi pubblici dei lavori per l'evento giubilare"(video di Mariacristiana Massaro - Agf)

Roma, Causi: "Non sarà Giubileo delle grandi opere, ma delle passeggiate"

video E' quanto ha dichiarato il vicesindaco di Roma Marco Causi al termine del primo incontro avuto con il prefetto della Capitale Franco Gabrielli per fare il punto sulle opere necessarie in vista del Giubileo. "Oggi abbiamo definito le regole d'ingaggio per il lavoro comune che ci attende. Domani mattina si insedia la segreteria tecnica di coordinamento e abbiamo anche discusso su come garantire il massimo di trasparenza e pubblicità", ha spiegato Causi. "Possibilità di scioglimento? Le comunicazioni vengono rinviate a quando Gabrielli e il Sindaco avranno qualcosa da dire. Oggi non c'è niente da comunicare", ha concluso il vicesindaco(video di Francesco Giovannetti)

Il sindaco di Palagonia: "Il Cara va chiuso subito"

video “Sto rientrando da un incontro in Prefettura a Catania e ci è stato detto che verranno rafforzati i controlli da parte delle forze dell’ordine su tutto il territorio”, è quanto dichiarato dal sindaco di Palagonia, Valerio Marletta che, alla luce del duplice omicidio che ha sconvolto il paese del Calatino, chiede la chiusura del Cara di Mineo: “Quel posto va chiuso perché crea problemi agli immigrati e soprattutto ai cittadini”. A Palagonia, così come in diversi paesi del Calatino, esistono numerosi centri Sprar per immigrati gestiti dal Sol Calatino, coinvolto con sei indagati nello scandalo di Mafia Capitale, ma tuttora aperti. “Sì il centro di Palagonia è gestito dal Sol Calatino, ma non è coinvolto da nessuna indagine” dice il sindaco. “Noi comunque ci siamo voluti dissociare dagli altri comuni limitrofi per la gestione del Cara, abbiamo detto sì alla chiusura in tempi non sospetti”(di Alessandro Puglia)