Best House rom: il deposito merci da 2,5 milioni di euro l'anno

video Lo chiamano “Best house rom”: dietro il nome da grand hotel, però, si nasconde il centro di raccolta temporaneo che ospita da 3 anni circa 300 sgomberati dai “campi nomadi” del Comune Roma, di cui 150 sono minori. I costi di gestione sono da capogiro: secondo i calcoli dell’Associazione 21 luglio nel 2014 la Capitale ha sborsato circa 2 milioni e 600mila euro per mantenere la struttura. Al momento i rom abitano in uno stabile accastato al livello C2: ovvero un deposito merci. E le stanze sono asfittiche, misurano un totale di 12 mq l’una, circa 2,5 ad ospite, meno dei 7 metri auspicati dalla Comunità europea per le celle dei detenuti. L’appalto è stato affidato tramite assegnazione diretta, cioè senza gara d’appalto, alla cooperative Inopera nel 2012. Il provvedimento è firmato da Angelo Scozzafava, coinvolto nella recente inchiesta “Mafia Capitale”.(a cura di Andrea Scutellà)

Processo Schettino, il legale Costa: "Lui responsabile"

video "La compagnia non ritiene né opportuno né giusto interferire con le vicende strettamente penalistiche del comandante". Il legale di Costa Crociere Marco De Luca evita di commentare la richiesta di 26 anni di carcere per Francesco Schettino. Ma ribadisce che "la responsabilità dell'evento è ascrivibile al comandante Schettino e a nessun altro".di Andrea Lattanzi