Fano, innescato ordigno per errore. Il sindaco: "Evacuazione necessaria, raggio di pericolosità di 1816 metri"

video Il sindaco di Fano, Massimo Seri, e il prefetto di Pesaro Urbino, Carla Cincarilli, hanno dato indicazioni agli abitanti delle zone che si trovano in prossimità dell'ordigno della seconda guerra mondiale innescato per errore. "Il raggio di pericolosità è di 1816 metri e tutte le persone che abitano in questo raggio devono essere evacuate per motivi di sicurezza", ha detto il primo cittadino del comune marchigiano Facebook / Massimo Seri Sindaco di Fano

Addio a Enrico Ciacci, il fratello di Little Tony: la sua chitarra un'icona in 'Per un pugno di dollari'

video È morto a 75 anni Enrico Ciacci, compositore, virtuoso della chitarra, fratello di Little Tony al quale trasmise la passione per il rock and roll e con il quale condivise tutta la carriera e i palchi di mezzo mondo. La sua chitarra è diventata un'icona grazie alla colonna sonora, firmata da Ennio Morricone, di 'Per un pugno di dollari' / Leggi l'articoloYouTube / MrGAMEP77

"Noi sfruttati nel Paese dei raccomandati"

video “Alla mia età non so se troverò un altro lavoro. Sono qui per chiedere la Naspi, facevo la segretaria”. Licenziata a 61 anni, Sara fa la fila agli sportelli del centro dell'impiego di Fuorigrotta. Via Docleziano, ore 11.30. “Non ho ho ancora diritto alla pensione – dice la signora accompagnata dal marito – ma spero che mi daranno un contributo”. Arriva Vittoria che ha bisogno di un certificato per firmare il primo contratto della vita, un ragazzo dalle Marche che ha perso il lavoro da poco e fa domanda per l'indennità di disoccupazione, Asif – giovane immigrato - che vuole iscriversi per trovare un'occupazione in Italia. Chi entra in un centro per l'impiego - uffici della Città Metropolitana, in attesa di trasmigrare alla Regione dopo la riforma che ha cancellato le Province – sa già che non troverà l'Eldorado del posto fisso. Dell'ex “collocamento” è rimasta un bacheca spoglia di annunci e scaffali di faldoni con “assunzioni” risalenti a un po' di anni fa. Qui ormai si rilasciano atti e documenti che sono necessari per ottenere “sgravi contributivi” per i datori di lavoro, ammortizzatori sociali, sussidi come il reddito di inclusione e qualche tirocinio per i ragazzi targato “Garanzia giovani”. Anna Laura De Rosa e Alessio Gemma