Le vittime di Bolzaneto: 'Bene sentenza Cassazione, Ora legge sulla tortura'

video La 5a sezione della Corte di Cassazione ha confermato sette condanne e assolto 4 degli imputati delle violenze verificatisi nella caserma Bolzaneto durante il G8 di Genova. Nessuno degli imputati del processo subirà pene detentive per via della prescrizione e dell'indulto.Parzialmente soddisfatti i legali delle 155 vittime. Simonetta Crisci, avvocato di parte civile fa notare: "Confermate le condanne per lesioni ma nella sentenza non si fa alcun riferimento al reato di tortura previsto dall'ordinamento comunitario". È stato respinto infatti il ricorso della Procura d'Appello di Genova che chiedeva il riconoscimento del reato di tortura per impedire le prescrizioni dei reati. Enrica Bartesaghi del Comitato Verità e giustizia e madre di una delle vittime si dice soddisfatta: "Abbiamo delle condanne definitive e si stabilisce chi stava dalla parte del torto e chi dalla parte della ragione" di Fabio Butera

Svizzera, ciclisti in fuga: fermati dalla pubblicità

video Imprevisto singolare durante la settima tappa del Giro della Svizzera. Una struttura gonfiabile posta a 2 km dall'arrivo, ha interrotto l'azione di tre uomini che erano in fuga. Ripartiti, i tre sono comunque arrivati prima degli altri al traguardo, ma l'inconveniente ha impedito al vincitore della frazione, il portoghese Rui Costa, di strappare la maglia gialla di leader allo svizzero Frank

Palermo, Idem e Boldrini inaugurano il Gay Pride

video Con il convegno 'I diritti Lgbt sono diritti umani' alla presenza del ministro Josefa Idem e della presidente della Camera, Laura Boldrini, si è aperto a Palermo il pride nazionale. In programma dibattiti, spettacoli, concerti, incontri, mostre e documentari. Un ricco calendario di eventi che animerà il 'Gay Village', ospitato dall'Amministrazione comunale all'interno dei Cantieri culturali della Zisa. Un Pride che sin dalla vigilia si annuncia come unico: con quasi 70mila metri quadrati sarà infatti il Pride Village più grande, oltre che più meridionale d'Europa

Giovannini: ''Rafforzare formazione con partner Ue per lavoro giovanile''

video "Affrontare la disoccupazione e in particolare quella giovanile è un modo per assicurare una crescita di medio termine basata sul capitale umano e sull'economia della conoscenza". Ad affermarlo è il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, al termine del vertice a Palazzo Chigi. "Abbiamo bisogno di rafforzare la cooperazione tra i paesi europei per aver un benchmark e per condividere le migliori pratiche"