I Simpson sono violenti: la tv russa li censura

video Guai in Russia per il sub-cartone animato: "Grattachecca e Fichetto", la trasmissione amata da Lisa e Bart Simpson. I responsabili della rete russa per bambini "2x2" prendono sul serio l'ironica violenza dei due personaggi e, dopo l'entrata in vigore di una legge che vieta la rappresentazioni della violenza in tv, censurano i Simpsons. Il canale non trasmette più le avventure della famiglia gialla prima delle 23

Lucio e il Gargano, 'Dalla parte del mare'

video Un tributo a Lucio Dalla e al ‘suo’ Gargano. Si chiama “Dalla parte del mare” ed è la docufiction realizzata dai giornalisti Piero Russo ed Emanuele Faccilongo con gli alunni dell’istituto comprensivo ‘Libetta’ di Peschici e con ospiti d’eccezione, come Albano, Francesco Renga e Graziano Galatone, il “Febo” di Notre Dame de Paris ma soprattutto Mario Cavaradossi in “Tosca Amore Disperato”, un’opera totalmente riscritta e musicata da Lucio Dalla. Il corto è stato realizzato tra Peschici e le Isole Tremiti, dove il cantautore bolognese (ma di madre pugliese di Manfredonia) trascorreva gran parte della sua vita in una villa immersa nel verde a Cala Matana. A Peschici, Dalla e Ron avevano trovato rifugio durante un nubifragio negli anni ’60, a casa di una donna, Memena, che da quel giorno è diventata una specie di mamma: “Venivano spesso a casa mia per fuggire dalla quotidianità e dai fans, avevano le chiavi della loro stanza – dice Memena – e quando arrivavano mi chiedevano di preparare pane e pomodoro per loro”. Tanti retroscena sulla vita del cantautore emiliano, che poco prima di morire aveva preso parte all’opera “Il bene mio”, diretta da Cosimo Damiano Damato e dedicata al poeta del Gargano Matteo Salvatore, recentemente scomparso. La Montagna Sacra e le sue isole hanno voluto ricordare Lucio Dalla, che del Gargano non si era mai dimenticato e che per il Gargano aveva iniziato una lotta serrata contro le trivellazioni nel mare Adriatico

Il fronte dall'Atlantico temporali sulla Liguria

video L'immagine satellitare mostra l'ampia perturbazione atlantica abbordare il Mediterraneo. Da notare la piccola macchia rossa che nasce sulla Riviera di Ponente e risale verso Genova: il temporale che a metà pomeriggio ha colpito l'immediato entroterra del capoluogo. Sul Golfo del Leone una ben più vasta area temporalesca in risalita verso il Mar Ligure

Genova, un video per salvare l'azienda: ''Pagate il biglietto del bus''

video In un periodo di crisi, in particolare quella attraversata dal trasporto pubblico locale, alle battaglie tra sindacati si aggiungono anche iniziative singolari degli stessi dipendenti, che temono di vedersi dall'oggi al domani senza il proprio posto di lavoro. Alcuni dipendenti dell'Atp, l'azienda di trasporto nella provincia di Genova, hanno realizzato un video per sensibilizzare i viaggiatori. "Dovete pagare il biglietto" ripetono i passeggeri che si sono prestati alla realizzazione del video, caricato su Youtube. Un lodevole e originale tentativo di risollevare con propri mezzi le sorti dell'azienda in crisi (testo di Samantha Cenere)

Mantova, l'altro Festivaletteratura su Instagram

Article Sguardi, impressioni e testimonianze: tutto quello che succede tra riding, dibattiti, concerti e spettacoli alla sedicesima edizione del Festival di Mantova, raccontato con le immagini dell'applicazione. Scatta le foto con il tuo smartphone e postale su Instagram con l'hashtag #festlet. Le sessanta immagini più recenti vengono visualizzate in questa pagina. Passa con il mouse sulle foto e aprile

L'Aquila, Barca e i precari: 30 minuti a colloquio per strada

video Il ministro per la Coesione Territoriale, Fabrizio Barca, si è intrattenuto per oltre mezz'ora a parlare con i precari della ricostruzione. Era in corso il corteo della Bolla del Perdono in segno di protesta contro le modalità del cosiddetto «concorsone», per l'assunzione di 350 persone da assegnare agli uffici speciali. Dopo i primi tentennamenti il ministro sì è confrontato a lungo con i manifestanti, a differenza del suo predecessore Renato Brunetta, che li liquidò con la famosa frase: "Siete l'Italia peggiore" da L'Aquila TV