Milano, le ragazze 'invisibili' di Quarto Oggiaro: "Qui se nasci donna vali di meno" - Quarta puntata

video Storie di ragazzi di periferia, che vivono in luoghi abbandonati dalle istituzioni. Ragazzi a rischio. Ma che vengono salvati, tolti dalla strada grazie a palestre popolari, associazioni, organizzazioni no profit. Ragazzi che si riscattano grazie alla passione per lo sport, unica alternativa al nulla dei non-luoghi Quarto Oggiaro, quartiere della periferia nord di Milano. Per arrivarci bisogna attraversare un ponte, che lo separa fisicamente dal resto della città. Qui la micorcriminalità resta diffusa, molte famiglie sono problematiche, a volte un parente è in carcere, i genitori sono comunque spesso impegnati tutto il giorno. Per i ragazzi le alternative alla "piazzetta" sono poche. E per le ragazze la realtà è ancora più difficile. Ce lo raccontano le tutor della Fondazione Laureus, che finanzia sul territorio un progetto per le alunne delle medie. "È come se la mentalità del quartiere si fosse fermata agli anni '50 - spiegano - se sei femmina non puoi fare le cose che fanno i maschi. Sono ragazze che non vengono seguite, e che diventano donne come viene". Laureus Italia Onlus si impegna a sostenere i minori in condizioni di forte deprivazione economica e sociale nelle periferie di Milano, Napoli e Roma dal 2005,coinvolgendo fino a oggi 5mila bambini. A Quarto Oggiaro permette alle ragazze di giocare a softball, il baseball femminile, dove le adolescenti si sentono accolte, imparano il rispetto delle regole, a prendere e mantenere un impegno. "Quello che diciamo alle nostre ragazze - spiega Alessandra Stella, psicologa della Fondazione - è questo: non puoi cambiare dove sei nato, ma non puoi permettere a nessuno di dirti quello che puoi e non puoi fare. Lo sport insegna che se cadi, ti rialzi. E poi sei più forte di prima". Di Valeria TeodonioImmagini di Sonny Anzellotti e Giulio La MonicaMontaggio di Mariagrazia MorroneGrafica di Riccardo Pulvirenti

Rocca di Papa, esplosione nel palazzo comunale: i feriti soccorsi dagli elicotteri

video Esplosione nel palazzo del Comune di Rocca di Papa, cittadina dei Castelli romani, dove è crollata parte della facciata dell'edificio. Potrebbe essersi trattato di una fuga di gas. I soccorritori stanno portando via i feriti, tra i quali almeno tre bambini. Alcuni sono stati trasportati in ospedale anche grazie a elicotteri. Sul posto i vigili del fuoco e le forze dell'ordine.Video: Twitter/YouTube

Cremona, contestatore aggredito durante comizio Salvini. Lui lo irride: "Un applauso all'unico comunista che c'è"

video L'episodio risale al 3 giugno scorso, quando il ministro dell'Interno era impegnato in un comizio a Cremona in vista dei ballottaggi per le amministrative. Il contestatore, durante l'intervento di Salvini, stava esponendo un drappo bianco con la scritta 'Ama il prossimo tuo'. Alcuni presenti non avrebbero gradito l'iniziativa e lo hanno attaccato. Non è dato sapere se Salvini, dalla sua posizione, potesse vedere bene cosa stesse accadendo fra la folla. Quando si è accorto che stava succedendo qualcosa, il ministro dell'Interno ha detto: "Lasciatelo da solo poverino. Un applauso all'unico comunista che c'è perché se non c'è un comunista ai giardinetti, noi non ci divertiamo". La notizia è stata diffusa con un video da una tv locale di Cremona e rilanciata da Pippo Civati sulla sua pagina Facebook. Di Andrea Lattanzi

F1 Canada, la penalità a Vettel e le polemiche: cosa dice il regolamento

video Al 48° giro del Gran Premio del Canada il ferrarista, in testa, sbaglia, va sull'erba e rientra in pista. Ma per i commissari ostacola e spinge verso il muro Lewis Hamilton. Seb prende 5” di penalità dai giudici che gli costano la vittoria (che va proprio al rivale inglese). Tante polemiche, la Ferrari annuncia che ricorrerà contro decisione. Ecco cosa dice il regolamento della F1 e come viene interpretato in questi casi.